laRegione
23.09.21 - 08:43
Aggiornamento: 12:16

Per il Ceo di Moderna la pandemia nel mondo finirà tra un anno

Secondo Stéphane Bancel, entro la metà del 2022 ci saranno dosi sufficienti per vaccinare tutti sul pianeta. Allo studio vaccini combinati per Covid e influenza

Ats, a cura de laRegione
per-il-ceo-di-moderna-la-pandemia-nel-mondo-finira-tra-un-anno
Un centro di vaccinazione "drive through" in Sudafrica (Keystone)

La pandemia di Covid-19 sarà conclusa tra un anno, secondo il CEO di Moderna, Stéphane Bancel. A suo avviso, le persone anziane e a rischio che sono state vaccinate contro il coronavirus all’inizio della crisi dovrebbero ricevere un richiamo.

Entro la metà del 2022, “ci saranno abbastanza dosi per vaccinare tutti sul pianeta", ha detto Bancel ieri intrattenendosi con alcuni media, fra cui la Neue Zürcher Zeitung. Moderna sta lavorando per sviluppare "un richiamo annuale che copre tutte le malattie respiratorie virali”, si legge su Le Temps.

La tecnica dell’RNA messaggero ha un enorme potenziale, ha spiegato. Saranno possibili combinazioni di vaccini contro i coronavirus e i virus dell’influenza e i pazienti, con una sola iniezione, sarebbero protetti contro diversi virus. L’intenzione di Moderna è di copiare il sistema dell’iPhone, “un prodotto con più applicazioni e aggiornamenti annuali”. Ogni anno il vaccino verrebbe adattato ai ceppi influenzali.

I vaccini combinati dovrebbero essere sul mercato nel 2023, ha aggiunto il CEO di Moderna parlando con il Blick. La sperimentazione clinica inizierà prima della fine dell’anno. La sperimentazione per la parte del vaccino contro l’influenza è già in corso.

Moderna vuole inoltre rafforzare la sua sede europea a Basilea, dove attualmente lavorano 50 persone. Entro la fine di quest’anno, il numero di dipendenti dovrebbe raddoppiare e l’anno prossimo triplicare. “Non è facile reclutare rapidamente personale qualificato in Europa”, si lamenta Bancel, sottolineando che negli Stati Uniti l’assunzione è più veloce.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
11 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
13 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
15 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
15 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
16 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
17 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
17 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
18 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved