laRegione
21.09.21 - 12:00
Aggiornamento: 19:12

Reddito di base incondizionato, spunta un altro progetto

L’iniziativa propone di inserire il principio di un reddito di base per tutti nella Costituzione ma lascia alla legge il compito di regolarne l’ammontare

reddito-di-base-incondizionato-spunta-un-altro-progetto
(Keystone)

A cinque anni dal secco “no” alle urne, un comitato apartitico torna alla carica con una nuovo progetto di reddito di base incondizionato. La misura dovrebbe essere finanziata, tra le altre cose, da tasse più alte per il settore finanziario e le aziende tecnologiche.

L’obiettivo dell’iniziativa “Vivere dignitosamente - Per un reddito di base finanziariamente sostenibile” è di garantire un sostentamento per tutti, tutelare il diritto umano a una vita dignitosa e all’autodeterminazione e di valorizzare il lavoro finora non retribuito, indica il comitato in una nota odierna.

Per arrivarci, propone di modificare l’articolo 110 della Costituzione federale in modo che un reddito di base sia garantito a tutte le persone che vivono in Svizzera. La misura dovrebbe essere concepita in modo da contribuire a preservare e sviluppare le assicurazioni sociali. Una legge regolerebbe l’ammontare della rendita, così come il suo finanziamento.

L’introduzione di un reddito di base è tornata di grande attualità con la crisi sanitaria, spiega il comitato motivando il nuovo tentativo. Con questa disposizione, l’indispensabile lavoro di cura all’interno e all’esterno della famiglia così come il volontariato sarebbero finalmente apprezzati, secondo i promotori.

In tempi di pandemia e crisi climatica, è fondamentale un approccio responsabile verso le persone e la natura, rileva Oswald Sigg, membro di comitato ed ex portavoce del Consiglio federale, già presente nel comitato della prima iniziativa di questo genere.

Gli iniziativisti propongono che tutti i settori economici contribuiscano solidalmente al finanziamento sulla base dei propri proventi. In particolare sarebbero tassati adeguatamente il settore finanziario e le imprese del settore tecnologico e sgravata l’attività lucrativa.

Un primo tentativo di introdurre un reddito di base incondizionato è stato respinto dal popolo svizzero nel giugno 2016 con il 76,9% dei voti. All’epoca i promotori parlavano di un importo di 2500 franchi al mese per ogni adulto e di 625 franchi per ogni bambino, che sarebbero costati 208 miliardi di franchi secondo i calcoli della Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Pietra tombale sull’autonomia del Governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
22 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
© Regiopress, All rights reserved