laRegione
il-vaccino-johnson-johnson-in-arrivo-in-svizzera
(Keystone)
21.09.21 - 08:09
Aggiornamento : 10:01

Il vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Svizzera

La Confederazione ha avvisato i Cantoni di prepararsi all’arrivo di circa 150’000 dosi di vaccino monodose. Un’alternativa per molte persone ancora scettiche

La Confederazione ha avvisato i Cantoni di prepararsi alla consegna del vaccino della casa farmaceutica Johnson & Johnson (J&J), sebbene il contratto non sia ancora stato firmato. È quanto riporta il Blick citando due fonti indipendenti. L’acquisto di 150’000 dosi di vaccino potrebbe essere concluso nei prossimi giorni, ma non si escludono ritardi in quanto Johnson&Johnson è considerato un partner commerciale “più difficile” rispetto agli altri produttori di vaccini mRna. Inoltre si attende anche una raccomandazione della Commissione federale per le vaccinazioni (FCV) circa la somministrazione.

Un’alternativa per gli scettici

Il direttore del Dipartimento dell’Interno Alain Berset ha dichiarato che il vaccino di Johnson&Johnson, oltre a costituire un rimedio per gli allergici (non un gran numero di persone), è anche un’alternativa per le persone ancora scettiche riguardo ai vaccini con tecnologia mRna di Pfizer e Moderna.

“A queste persone dovrebbe essere offerta un’alternativa", ha dichiarato al Blick il consigliere nazionale Plr Marcel Dobler. Se l’uso del vaccino J&J fosse un incentivo per convincere una parte importante della popolazione a vaccinarsi, "questo disinnescherebbe considerevolmente la situazione attuale”.

Le dosi acquistate potrebbero comunque essere più delle 150’000 previste: a spingere per la conclusione del contratto di acquisto è anche il fatto che il vaccino Johnson&Johnson è stato co-sviluppato a Bümpliz, nel canton Berna. Le dosi non necessarie, come sottolinea la presidente della Commissione Sanità al Nazionale Ruth Humbel, potrebbero poi essere consegnate alle organizzazioni internazionali.

Swissmedic, che ha già autorizzato il vaccino monodose J&J, conferma al Blick di ricevere giornalmente richieste da molte persone in merito.

Swissmedic, la terza dose e gli altri vaccini

Riguardo agli altri vaccini il cui utilizzo è in discussione, la Svizzera ha da tempo sottoscritto diversi contratti per il preparato di Novavax: tuttavia, la casa produttrice del vaccino, che non è a tecnologia mRna, non ha ancora presentato una domanda di autorizzazione a Swissmedic. Resta ancora senza autorizzazione il vaccino Astrazeneca, la cui cattiva fama però, sottolinea il Blick, rende tutto sommato meno problematica la mancata autorizzazione rispetto al vaccino Novavax. Anche la domanda di autorizzazione del vaccino di Curevac è in sospeso in quanto non soddisferebbe tutti i requisiti.

Il Blick rivela inoltre che Swissmedic sta esaminando le domande di Biontech/Pfizer e Moderna per la somministrazione della terza vaccinazione, che non dovrebbe comunque essere effettuata su larga scala almeno fino all’anno prossimo, essendo inizialmente limitata alle persone con un sistema immunitario compromesso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
johnson johnson svizzera swissmedic vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
3 ore
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
4 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
5 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
6 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
7 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
7 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
8 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
13 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved