laRegione
20.09.21 - 22:38

Quasi 43mila firme contro l’importazione di pellicce

Consegnata oggi a Berna una petizione che chiede il divieto di importare prodotti ottenuti infliggendo sofferenze agli animali

quasi-43mila-firme-contro-l-importazione-di-pellicce
Keystone
42'800 firme depositate oggi a Berna

Berna – L’importazione di “prodotti di pellicceria ottenuti infliggendo sofferenze agli animali” dovrebbe essere vietata in Svizzera. È quanto chiede una petizione consegnata oggi al Parlamento federale a Berna firmata da circa 42’800 persone.

I firmatari invitano i membri delle Camere federali a sostenere una mozione del consigliere nazionale Matthias Aebischer (SP/BE), che è attualmente pendente al Consiglio degli Stati. Il testo chiede che sia vietata l’importazione di prodotti di pelliccia prodotti in modo crudele. Il Consiglio federale dovrebbe agire sulla base della Legge sulla protezione degli animali.

I metodi di caccia comuni all’estero (tagliole, trappole con funi o a scatto) e le condizioni di detenzione negli allevamenti commerciali (gabbie strette con pavimenti in rete metallica) corrispondono alla definizione di “maltrattamento degli animali” contenuta nella Legge federale sulla protezione degli animali, si legge nella petizione.

Stando alle cifre dell’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria, il 79% dei controlli effettuati nei punti vendita nel 2019/2020 hanno condotto a una contestazione perché la dichiarazione non era corretta o era insufficiente.

La versione rivista dell’ordinanza sulla dichiarazione delle pellicce e dei prodotti di pellicceria è in vigore dal 1° aprile 2020. Sono state introdotte nuove disposizioni, come l’obbligo di contrassegnare chiaramente il prodotto come “vera pelliccia” se è derivato da animali. Secondo le autorità questo dovrebbe consentire ai clienti di riconoscere immediatamente se si tratta di una pelliccia vera o sintetica.

Il Consiglio federale respinge quindi la mozione di Aebischer e continua a fare affidamento sulla dichiarazione e su un’informazione trasparente per i clienti. Per gli autori delle petizione invece neppure un obbligo di dichiarazione concepito e attuato in modo ottimale impedirebbe l’importazione e la vendita di prodotti di pellicceria ottenuti infliggendo sofferenze agli animali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Buste paga meno pesanti per le donne? ‘Non è discriminazione’
Per Conny Wunsch, professoressa di economia del lavoro a Basilea, le ragioni delle disparità salariali sono molteplici
Svizzera
12 ore
Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani
Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno
Svizzera
12 ore
Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre
Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
13 ore
Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo
Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
14 ore
Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini
La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
15 ore
Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna
Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
17 ore
Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten
Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
18 ore
‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga
Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
18 ore
Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo
L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
18 ore
Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti
Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
© Regiopress, All rights reserved