laRegione
manifestazione-a-berna-parmelin-condanna-senza-riserve
Giovedì sera a Berna (Keystone)
17.09.21 - 16:50

Manifestazione a Berna, Parmelin ‘condanna senza riserve’

Durante la protesta degli oppositori al certificato Covid la polizia ha utilizzato cannoni ad acqua, proiettili di gomma e gas irritanti

Ats, a cura de laRegione

L’opposizione alle misure di lotta contro la pandemia ha assunto una nuova dimensione con la manifestazione di ieri sera a Berna. Il presidente della Confederazione Guy Parmelin e i presidenti delle due Camere federali hanno condannato le violenze.

Il corteo, non autorizzato, degli oppositori al certificato sanitario e alle misure anti-Covid, ha riunito ieri sera tra le 3’000 e le 4’000 persone. Per proteggere Palazzo federale dai disordini, la polizia ha dovuto utilizzare un cannone ad acqua e far uso di proiettili di gomma e gas irritanti.

“Condanno senza riserve tutti gli atti di violenza contro le persone, i beni privati o pubblici”, ha dichiarato oggi a margine della conferenza stampa governativa Guy Parmelin. “Occorre essere chiari: ciascuno dispone di tutti gli strumenti democratici per far valere le proprie opinioni”, ha aggiunto in risposta a una domanda di un giornalista.

In precedenza, in un tweet congiunto, il presidente del Consiglio nazionale Andreas Aebi (Udc/Be) e quello del Consiglio degli Stati Alex Kuprecht (Udc/Sz) avevano pure condannato gli scontri di ieri sera davanti a Palazzo federale. “Il comportamento di questi manifestanti violenti non è svizzero”, hanno scritto nel loro messaggio.

“Possiamo sconfiggere il virus soltanto se siamo tutti parte della soluzione”, hanno aggiunto. In apertura della sessione autunnale, il presidente degli Stati Kuprecht aveva già invitato gli oppositori alle misure sanitarie a rinunciare all’uso della violenza e alle manifestazioni non autorizzate.

Linea rossa

Il municipale bernese, responsabile della Sicurezza, Reto Nause aveva già scritto ieri sera su Twitter che la Polizia cantonale bernese ha impedito un possibile assalto a Palazzo federale.

Secondo il municipale, una linea rossa è stata superata. Finora si pensava che gli edifici federali fossero “sacri”. Stando ai social network, si sa che taluni oppositori alle misure contro il coronavirus hanno idealizzato l’assalto al Campidoglio di Washington d’inizio anno, ha indicato Nause alla radio svizzero-tedesca Srf e al quotidiano Berner Zeitung.

Il portavoce della polizia Christoph Gnägi ha dal canto suo precisato come non vi fossero, a sua conoscenza, elementi concreti dell’esistenza di un piano d’attacco. La polizia constata tuttavia che il clima durante le manifestazioni è sempre più aggressivo.

Pallottole di gomma

Ieri sera, nella città federale il corteo non autorizzato ha richiesto la chiusura, per motivi di sicurezza, di diverse strade, comportando disagi al traffico e ai trasporti pubblici.

Sulla Piazza federale le forze dell’ordine hanno fatto uso di cannoni ad acqua dopo che alcuni manifestanti se la sono presa con una recinzione di protezione. Alcuni presenti hanno reagito lanciando oggetti in direzione di Palazzo federale e sparando petardi. La manifestazione è quindi stata dispersa.

L’utilizzo di pallottole di gomma e di gas irritanti è stato limitato e in piccole quantità, ha precisato Nause all’agenzia Keystone-Ats. La polizia ha dal canto suo indicato su Twitter che una persona è rimasta ferita durante scontri tra diversi gruppi.

Leggi anche:

Proteste anti pass Covid, notte di tensione in Piazza Federale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berna manifestazione parmelin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini
Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
5 ore
Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento
Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
6 ore
Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos
A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
6 ore
Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera
Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
6 ore
Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio
Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
7 ore
Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima
Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
8 ore
La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere
Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
9 ore
Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato
Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
11 ore
Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera
Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
12 ore
Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese
Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
© Regiopress, All rights reserved