laRegione
16.09.21 - 09:41
Aggiornamento: 10:20

Test Covid gratuiti, cresce la pressione sul Consiglio Federale

I Verdi, Il PS, il Centro e l’UDC, con motivazioni diverse, chiedono che Berna continui a farsi carico dei test anche dopo il 1° ottobre. Possibile marcia indietro

test-covid-gratuiti-cresce-la-pressione-sul-consiglio-federale
(Keystone)

Il Consiglio federale potrebbe fare marcia indietro e ripristinare la gratuità dei test Covid. Crescono infatti le pressioni in tal senso da parte di diversi gruppi politici presenti in Parlamento.

Erano stati per primi i Verdi, lunedi, a chiedere che i test rimanessero ancora gratuiti, non tanto nel quadro dell’estensione del certificato Covid, ma per permettere al maggior numero possibile di persone di testarsi e proteggere gli altri. Martedi è stato il gruppo parlamentare Udc a chiedere, con una mozione, che la Confederazione continui a coprire i costi dei test, per evitare un onere aggiuntivo “inaccettabile” per i giovani e le persone con mezzi finanziari limitati che rischiano di restare tagliati fuori da buona parte della vita pubblica in seguito all’estensione del certificato Covid ai luoghi al chiuso. Richiesta appoggiata anche da alcuni rappresentanti socialisti, che secondo Le Temps dovrebbero interpellare oggi il Consiglio federale in merito, e dal Centro, la cui posizione è stata motivata dal presidente Gerhard Pfister su Twitter con la necessità di alleggerire gli ospedali. “L’accettazione del certificato Covid deve essere rafforzata ed è per questo che abbiamo bisogno anche di test gratuiti”. Al momento, come sottolinea Watson.ch, l’unico partito a rimanere ancorato all’idea di far pagare i test dal 1° ottobre è il Plr. Le pressanti richieste potrebbero portare il Consiglio federale a rivedere la sua posizione, e ciò potrebbe avvenire già domani, come ipotizza l’Aargauer Zeitung.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina
5 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
12 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
13 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
14 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
14 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
15 ore
Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi
Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
16 ore
I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset
Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
17 ore
‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’
Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
19 ore
Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada
Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
1 gior
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
© Regiopress, All rights reserved