laRegione
test-covid-gratuiti-cresce-la-pressione-sul-consiglio-federale
(Keystone)
16.09.21 - 09:41
Aggiornamento: 10:20

Test Covid gratuiti, cresce la pressione sul Consiglio Federale

I Verdi, Il PS, il Centro e l’UDC, con motivazioni diverse, chiedono che Berna continui a farsi carico dei test anche dopo il 1° ottobre. Possibile marcia indietro

Il Consiglio federale potrebbe fare marcia indietro e ripristinare la gratuità dei test Covid. Crescono infatti le pressioni in tal senso da parte di diversi gruppi politici presenti in Parlamento.

Erano stati per primi i Verdi, lunedi, a chiedere che i test rimanessero ancora gratuiti, non tanto nel quadro dell’estensione del certificato Covid, ma per permettere al maggior numero possibile di persone di testarsi e proteggere gli altri. Martedi è stato il gruppo parlamentare Udc a chiedere, con una mozione, che la Confederazione continui a coprire i costi dei test, per evitare un onere aggiuntivo “inaccettabile” per i giovani e le persone con mezzi finanziari limitati che rischiano di restare tagliati fuori da buona parte della vita pubblica in seguito all’estensione del certificato Covid ai luoghi al chiuso. Richiesta appoggiata anche da alcuni rappresentanti socialisti, che secondo Le Temps dovrebbero interpellare oggi il Consiglio federale in merito, e dal Centro, la cui posizione è stata motivata dal presidente Gerhard Pfister su Twitter con la necessità di alleggerire gli ospedali. “L’accettazione del certificato Covid deve essere rafforzata ed è per questo che abbiamo bisogno anche di test gratuiti”. Al momento, come sottolinea Watson.ch, l’unico partito a rimanere ancorato all’idea di far pagare i test dal 1° ottobre è il Plr. Le pressanti richieste potrebbero portare il Consiglio federale a rivedere la sua posizione, e ciò potrebbe avvenire già domani, come ipotizza l’Aargauer Zeitung.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro certificato covid svizzero consiglio federale test covid udc verdi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
diplomazia
3 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
4 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
5 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
7 ore
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
8 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
8 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
9 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
10 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
12 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
12 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
© Regiopress, All rights reserved