laRegione
un-istituzione-nazionale-svizzera-per-tutelare-i-diritti-umani
(Keystone)
14.09.21 - 10:05
Aggiornamento: 19:40
Ats, a cura de laRegione

Un’istituzione nazionale svizzera per tutelare i diritti umani

Dopo il voto favorevole degli Stati, anche il Nazionale ha dato l’ok alla creazione del nuovo organismo. Il dossier è pronto per le votazioni finali

La Svizzera deve dotarsi di un’istituzione nazionale per i diritti umani (INDU). Dopo il Consiglio degli Stati nel giugno scorso, oggi è toccato al Consiglio nazionale - con unica eccezione l’UDC - dare il via libera alla creazione di questo organismo. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

Questo organismo sarà indipendente, coinvolgerà ampie fasce della società e riceverà un sostegno finanziario dalla Confederazione. L’INDU sarà integrata nella legge federale su misure di promozione civile della pace e di rafforzamento dei diritti dell’uomo.

Il Consiglio federale ha adottato a fine 2019 il progetto di legge in materia con l’obiettivo di rafforzare il proprio impegno a favore dei diritti umani. La creazione dell’INDU figura da tempo nell’agenda politica elvetica e risponde anche a una richiesta di politica estera dell’Onu, hanno ricordato in aula diversi oratori, compreso il consigliere federale Ignazio Cassis.

A parte il fatto che la Svizzera è uno dei pochi paesi europei a non essersi dotato di una tale istituzione, Cassis e i promotori hanno rammentato che si tratta anche di rafforzare la credibilità della Svizzera in materia di diritti umani e di rafforzare il ruolo della Ginevra internazionale.

Dopotutto non possiamo criticare gli altri Paesi e, nel contempo, non fare nulla da noi per promuovere questi diritti che ci stanno a cuore, si è sentito in aula. Attualmente, oltre 120 Paesi, compresi quasi tutti quelli europei, dispongono di un’istituzione di questo genere.

Secondo i fautori dell’INDU, quest’ultima assumerà un ruolo preventivo: entra in gioco prima che si verifichi una violazione dei diritti dell’uomo e avrà un ruolo importante nella divulgazione e sensibilizzazione sul tema. L’indipendenza dell’INDU le consentirà di cooperare non solo con le autorità a tutti i livelli statali, ma anche con le organizzazioni non governative, l’economia privata, il settore della ricerca e le organizzazioni internazionali.

Dal 2011, esiste già il Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) come progetto pilota a tempo determinato. Esso però non soddisfa tutti i requisiti e quindi il disegno di legge prevede di tramutare tale progetto in un’INDU permanente, in forma di istituzione di diritto pubblico.

L’INDU potrà definire autonomamente le proprie attività nell’ambito del mandato affidatole, che copre sia questioni interne sia relative agli obblighi internazionali. I suoi compiti comprenderanno l’informazione e la documentazione, la ricerca, la consulenza, l’educazione e la sensibilizzazione in materia di diritti umani - come nel caso dei bambini o delle persone disabili - nonché lo scambio internazionale. Non svolgerà mansioni amministrative, non fungerà da mediatrice e non si occuperà di singoli casi.

In merito al mandato dell’INDU, la commissione raccomandava una maggiore flessibilità rispetto alla versione del Consiglio federale e del Consiglio degli Stati. Al voto, però, l’ha spuntata una proposta di minoranza (99 voti a 87) che ha preferito attenersi a un catalogo ben definito di compiti.

Per quanto attiene al finanziamento, è previsto un credito ogni quattro anni. Il Consiglio federale avrebbe preferito contributi - un milione circa secondo il governo - da definire anno per anno. I Cantoni si faranno carico dei costi infrastrutturali e l’istituzione avrà sede in una o più università.

Unica voce fuori dal coro, l’UDC ha giudicato inutile la creazione di questa nuova istituzione e ne ha criticato i costi, che potrebbero facilmente esplodere. In Austria, per esempio, un organismo simile impiega già 90 persone, con tutte le spese del caso, ha affermato Yvette Estermann (LU). Tuttavia, la sua proposta di non entrata in materia è stata bocciata per 135 voti a 54.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale diritti umani indu
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
22 ore
Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus
Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
22 ore
Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari
Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
1 gior
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
© Regiopress, All rights reserved