laRegione
10.09.21 - 18:04

Certificato Covid sugli impianti di risalita in Svizzera?

L’associazione di categoria sta pensando di renderlo obbligatorio per la stagione invernale. Le stazioni sciistiche sarebbero esonerate da altre misure

certificato-covid-sugli-impianti-di-risalita-in-svizzera
Keystone
Discussioni in corso tra Funvie Svizzere e autorità federali

Berna – Probabile estensione del certificato Covid agli impianti di risalta: l'associazione di categoria Funivie Svizzere sta esaminando questa possibilità con le autorità federali.

Si sta discutendo se estendere l'obbligo del certificato Covid anche alle stazioni sciistiche, ha dichiarato oggi Hans Wicki, presidente di Funivie Svizzere nonché consigliere agli Stati nidvaldese del Plr, ai microfoni delle emittenti regionali "Radio Sunshine" e "Radio Central".

Via le altre misure

"Potrei immaginare che venga imposto un certificato obbligatorio", ha precisato. Questo significherebbe che solo chi è vaccinato, è guarito o risultato negativo al coronavirus avrà accesso agli impianti di risalita. In cambio, le stazioni sciistiche sarebbero esonerate da altre misure. Secondo Wicki, i dettagli relativi alla vendita dei biglietti non sono ancora stati decisi.

Gli impianti di risalita sono in trattative con l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), ha dichiarato il senatore nidvaldese. L'associazione di categoria vuole potere pianificare in sicurezza la prossima stagione invernale. L'obiettivo - ha detto Wicki - è di evitare nuove chiusure degli impianti di risalita o dei ristoranti.

C’è chi ha già deciso

Una prima stazione sciistica ha già annunciato alla fine di agosto l'obbligo del certificato Covid: si tratta delle Fideris Heuberge, in Prettigovia (GR), un piccolo comprensorio dotato di tre impianti di risalita, che un anno fa era stato il primo ad annunciare, sempre in agosto, la chiusura dei propri impianti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
5 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
5 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
7 ore
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
7 ore
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
8 ore
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
10 ore
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
12 ore
Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’
L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior
Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto
Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior
Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti
La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
© Regiopress, All rights reserved