laRegione
10.09.21 - 08:42
Aggiornamento: 18:29

Buchi nella protezione dei dati su lemievaccinazioni.ch

La fondazione che gestiva il libretto di vaccinazione elettronico per conto dell'Ufsp ha evidenziato gravi carenze tecniche nella piattaforma, chiusa da maggio

buchi-nella-protezione-dei-dati-su-lemievaccinazioni-ch
(Keystone)

Le carenze tecniche della Fondazione mievaccinazioni, che gestiva il libretto di vaccinazione elettronico per conto dell'Ufficio federale della salute pubblica (UFSP), sono state molto gravi. Lo afferma il preposto federale per la protezione dei dati Adrian Lobsiger nel suo rapporto finale.

"È risultato che le carenze tecniche erano davvero molto gravi e riguardavano l'intera offerta della piattaforma", ha detto oggi Lobsiger alla radio svizzero tedesca SRF. Gli utenti di lemievaccinazioni.ch dovrebbero poter recuperare i loro dati o cancellarli. Una soluzione praticabile è stata trovata, ha spiegato Lobsiger senza però dare dettagli.

Soluzione per utenti

Dal canto suo l'UFSP ha confermato all'agenzia Keystone-ATS che l'ufficio federale sta lavorando alacremente affinché si trovi una soluzione per restituire i dati agli utenti. Al momento non è però possibile fornire ulteriori indicazioni su quale sarà questa soluzione, che è ancora in fase di sviluppo.

Anche Sara Stalder, direttrice della Fondazione svizzero tedesca per i consumatori (SKS), ha spiegato oggi alla trasmissione "Espresso" della radio SRF che non è ancora stato chiarito come si potrebbero restituire i dati agli utenti. Ma almeno ora c'è un raggio di luce, ha aggiunto.

Lezione da trarre

Lobsiger ha invece ribadito quanto affermato a fine giugno, quando le indagini non erano ancora terminate: la lezione da trarre è che il governo deve sentirsi altrettanto responsabile quando coopera con aziende private come se stesse elaborando i dati sanitari da solo, e deve quindi guardare attentamente cosa succede.

In maggio, la piattaforma (meineimpfungen.ch, mesvaccins.ch, lemievaccinazioni.ch, myvaccines.ch) è stata chiusa a causa di vulnerabilità nella sicurezza. Già alla fine di marzo - su impulso del periodico online "Republik" - si era venuto a sapere che i 450'000 dati di vaccinazione del sito, di cui 240'000 di persone vaccinate per il Covid-19, potevano essere manipolati. Di conseguenza, l'UFSP e l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza sono intervenuti. La piattaforma è quindi stata disattivata ed è stato avviato un procedimento contro gli operatori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 min
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
24 min
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
1 ora
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
2 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
2 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
2 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
3 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani son diminuiti del 30%
Svizzera
5 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
17 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
22 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
© Regiopress, All rights reserved