laRegione
06.09.21 - 15:30
Aggiornamento: 19:01

Bici sul treno, ‘abolire l’obbligo di prenotazione’

Pro Velo, Ata e altre organizzazioni hanno inoltrato alle Ffs e alla Cancelleria federale una petizione con 54mila firme

bici-sul-treno-abolire-l-obbligo-di-prenotazione
Keystone
Poco spazio

Berna – L'obbligo di prenotazione per il trasporto di biciclette sui treni non piace a oltre una dozzina di organizzazioni, tra cui Pro Velo Svizzera e l'Associazione traffico e ambiente (Ata). Mediante una petizione inoltrata oggi alle Ffs e alla Cancelleria federale (54mila circa le firme raccolte), chiedono all'ex regia di fare marcia indietro o, quantomeno, di migliorare l'attuale situazione.

La petizione contro quest'obbligo - che secondo gli avversari è di difficile applicazione e renderebbe il tutto anche più caro col rischio che il traffico lento si sposti in strada - è stata promossa all'inizio dell'anno. Tale condizione è in vigore da fine marzo per i treni Intercity.

Le Ffs si difendono

Oltre a soprassedere da una tale condizione, le associazioni chiedono alle Ffs maggior spazio non solo per le biciclette, ma anche per passeggini, attrezzi sportivi e pacchi. Le Ffs, secondo gli autori della petizione, dovrebbero tener conto maggiormente dei bisogni degli utenti amanti della due ruote.

In una nota odierna, le Ffs giustificano l'entrata in vigore di quest'obbligo con la necessità di una migliore pianificazione. A ogni modo, i desideri dei ciclisti che viaggiano in treno vengono presi sul serio.

Nel corso del 2020, l'anno della pandemia, spiega l'ex regia, le Ffs hanno dovuto fare i conti con un boom di ciclisti-passeggeri: nei momenti caldi della giornata non tutte le bici hanno potuto essere trasportate. Per evitare questo inconveniente è stato introdotto l'obbligo di prenotazione.

Offerta ampliata

Per l'anno corrente, le Ffs hanno quindi esteso l'offerta per il trasporto di biciclette creando in breve tempo 4mila posti - sottoposti a prenotazione - per chi si sposta con l'amata due ruote. Lungo le tratte maggiormente sollecitate il numero di "spazi" riservati alle bici è stato moltiplicato per tre. Ma le ferrovie non intendono fermarsi qui: vogliono creare ancora più posti per i ciclisti, senza però nemmeno dimenticare gli altri viaggiatori che necessitano anch'essi di maggior spazio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
8 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
9 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
10 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
10 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
11 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
11 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
14 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
16 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
18 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
19 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved