laRegione
03.09.21 - 15:08
Aggiornamento: 18:06

‘Ora basta!’. Sindacati contro il ‘furto delle rendite’

Travail.Suisse e Uss demoliscono le riforme di Avs e Lpp e invitano a una manifestazione nazionale a Berna tra due settimane

ora-basta-sindacati-contro-il-furto-delle-rendite
Keystone
Riforme sulle spalle delle donne, denunciano i sindacati

Berna – La riforma dell'Avs attualmente in fase di discussione in Parlamento ha preso una piega che non piace ai sindacati, secondo i quali a farne le spese saranno soprattutto le lavoratrici. Secondo il sindacato Travail.Suisse e l'Unione sindacale svizzera (Uss), la riforma del primo pilastro, che prevede l'innalzamento dell'età pensionabile delle donne a 65 anni come gli uomini, è "un affronto", specie per la donne.

La riforma Avs21 è un progetto al ribasso, per le due organizzazioni dei lavoratori. Con le decisioni adottate finora dalle Camere le donne lavoreranno un anno in più, pagando i contributi, e cosa riceveranno in cambio? Un anno in meno di pensione. Le lavoratrici ricevono già una pensione ridotta di un terzo rispetto agli uomini. E oltre al danno anche la beffa, giacché il parlamento prevede ulteriori risparmi per 10 miliardi, indica una nota congiunta odierna.

Controverse compensazioni

Per quanto attiene alle riforme della previdenza professionale, anch'essa in discussione in Parlamento, le commissioni che si occupano del dossier prevedono un taglio delle rendite del 12% nella parte obbligatoria. I lavoratori con redditi modesti ne uscirebbero svantaggiati. Per queste persone non è previsto alcun meccanismo di compensazione.

A dividere ancora i due rami del Parlamento, per quanto riguarda la riforma dell'Avs, è il meccanismo di compensazione per quelle donne che andranno in pensione a 65 anni. La Commissione della sicurezza sociale del Consiglio degli Stati propone supplementi di rendita che vanno da 100 franchi a 240 franchi al mese, con un'attenzione particolare per i bassi salari.

Tale modello è giudicato migliore di quello proposto dal Consiglio nazionale, ma viene sempre giudicato insufficiente dai sindacati e dalla sinistra. Indiscusso invece l'aumento dell'Iva di 0,4 punti percentuali per il finanziamento dell'Avs, come anche l'aumento dell'età pensionabile per le donne.

Secondo pilastro, sarà battaglia

Anche la revisione della previdenza professionale fa venire il mal di pancia alla sinistra e ai sindacati; l'aspetto più delicato riguarda i modelli volti a compensare la riduzione dell'aliquota di conversione minima (aliquota sull'avere di vecchiaia da cui risulta la pensione che si riceverà) dal 6,8 al 6,0%.

Di recente, la Csss-N ha respinto il compromesso delle parti sociali, ripreso dal Consiglio federale, poiché a suo avviso il supplemento di rendita funzionerebbe secondo il principio dell'innaffiatoio, interferendo eccessivamente nell'autonomia degli istituti di previdenza.

Il modello della maggioranza prevede un sistema di compensazione alternativo con il quale s'intende migliorare in modo mirato la rendita degli assicurati nella parte obbligatoria Lpp. Sindacati e sinistra hanno criticato l'abbandono del compromesso e promesso battaglia fuori e dentro il Parlamento.

La commissione ha comunque anche stabilito di voler estendere i benefici della cassa pensioni a chi lavora a tempo parziale e dispone di redditi bassi: i lavoratori che percepiscono da un solo datore di lavoro un salario annuo superiore a 12'548 franchi dovrebbero essere obbligatoriamente assicurati. Inoltre è stato abbassato l'inizio del risparmio, portandolo da 25 a 20 anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
11 ore
Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili
Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
12 ore
Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
16 ore
Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel
Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
23 ore
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 gior
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
1 gior
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 gior
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
2 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
2 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
© Regiopress, All rights reserved