laRegione
vaccini-ed-effetti-indesiderati-non-gravi-due-terzi-dei-casi
(Keystone)
03.09.21 - 14:590
Aggiornamento : 15:42

Vaccini ed effetti indesiderati, non gravi due terzi dei casi

Sono 6'603 le notifiche di sospette reazioni avverse su oltre 9'713'333 dosi somministrate, il 65,1% per Moderna; il profilo rischi-benefici resta positivo

Sono ormai 6'603 le notifiche di sospette reazioni avverse in relazione alle vaccinazioni contro il Covid-19 segnalate in Svizzera. Il 65,1% di esse si riferisce al preparato di Moderna, il 33,2% a quello di Pfizer, mentre nell'1,7% dei casi non è stato precisato il produttore. Le donne sono più colpite degli uomini.

È quanto si evince dai dati aggiornati fino al 1° settembre pubblicati oggi da Swissmedic. La maggior parte delle notifiche riporta più di un effetto indesiderato, sottolinea in una nota l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici. Il 67,3% delle volte vengono classificate come non gravi, contro il 32,7% dei casi in cui invece sono giudicate serie.

Le segnalazioni giungono principalmente dagli operatori sanitari, ma il 40%, ossia una percentuale relativamente grande, sono state inviate direttamente dalle persone colpite o dai pazienti. Gli interessati hanno in media 55,5 anni: di questi, il 18,1% ha un'età pari o superiore ai 75 anni.

Nei casi classificati come seri l'età media è di 59,2 anni, in quelli che si possono mettere in relazione temporale con decessi 80,3. In 137 occasioni le persone sono morte a differenti intervalli di tempo dalla vaccinazione, anche se, evidenzia Swissmedic, in nessun caso vi sono indizi concreti che l'inoculazione ne sia stata la causa.

L'istituto ricorda infine che le notifiche di effetti indesiderati finora ricevute non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei vaccini utilizzati nella Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 min
Coronavirus, in 24 ore 2’9142 nuovi casi in Svizzera
Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
2 ore
Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta
Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
3 ore
Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein
A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
3 ore
Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas
Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
3 ore
Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti
Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
4 ore
Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato
La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
19 ore
I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio
Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
20 ore
Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon
Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
23 ore
In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi
Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
Svizzera
23 ore
Scuola reclute invernale al via tra severe misure di protezione
Parte dei militi verrà istruita da casa nelle prime 3 settimane. L’entrata in servizio è preceduta da un test Covid. Aumenta la quota di donne
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile