laRegione
03.09.21 - 14:59
Aggiornamento: 15:42

Vaccini ed effetti indesiderati, non gravi due terzi dei casi

Sono 6'603 le notifiche di sospette reazioni avverse su oltre 9'713'333 dosi somministrate, il 65,1% per Moderna; il profilo rischi-benefici resta positivo

Ats, a cura de laRegione
vaccini-ed-effetti-indesiderati-non-gravi-due-terzi-dei-casi
(Keystone)

Sono ormai 6'603 le notifiche di sospette reazioni avverse in relazione alle vaccinazioni contro il Covid-19 segnalate in Svizzera. Il 65,1% di esse si riferisce al preparato di Moderna, il 33,2% a quello di Pfizer, mentre nell'1,7% dei casi non è stato precisato il produttore. Le donne sono più colpite degli uomini.

È quanto si evince dai dati aggiornati fino al 1° settembre pubblicati oggi da Swissmedic. La maggior parte delle notifiche riporta più di un effetto indesiderato, sottolinea in una nota l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici. Il 67,3% delle volte vengono classificate come non gravi, contro il 32,7% dei casi in cui invece sono giudicate serie.

Le segnalazioni giungono principalmente dagli operatori sanitari, ma il 40%, ossia una percentuale relativamente grande, sono state inviate direttamente dalle persone colpite o dai pazienti. Gli interessati hanno in media 55,5 anni: di questi, il 18,1% ha un'età pari o superiore ai 75 anni.

Nei casi classificati come seri l'età media è di 59,2 anni, in quelli che si possono mettere in relazione temporale con decessi 80,3. In 137 occasioni le persone sono morte a differenti intervalli di tempo dalla vaccinazione, anche se, evidenzia Swissmedic, in nessun caso vi sono indizi concreti che l'inoculazione ne sia stata la causa.

L'istituto ricorda infine che le notifiche di effetti indesiderati finora ricevute non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei vaccini utilizzati nella Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
5 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
6 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
6 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
7 ore
Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi
Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
8 ore
I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset
Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
9 ore
‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’
Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
11 ore
Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada
Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
1 gior
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
1 gior
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
© Regiopress, All rights reserved