laRegione
01.09.21 - 11:25
Aggiornamento: 18:20

Da Berna 'No' all'Iniziativa Paesaggio, 'sì' al controprogetto

Secondo il Consiglio federale l'iniziativa crea incertezza giuridica. Il testo intende porre fine alla cementificazione all'esterno delle zone edificabili

Ats, a cura de laRegione
da-berna-no-all-iniziativa-paesaggio-si-al-controprogetto
(Keystone)

L'iniziativa popolare "Contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio)" crea incertezza giuridica e deve essere respinta. Lo raccomanda il Consiglio federale, che sostiene invece il controprogetto indiretto elaborato da una commissione della Camera dei cantoni. Oggi ha trasmesso al Parlamento un messaggio in questo senso.

Depositata lo scorso anno con 104'487 firme valide, l'iniziativa intende porre un chiaro freno alla cementificazione delle superfici naturali e dei terreni coltivati all'esterno delle zone edificabili, conferendo ai Cantoni la responsabilità diretta della protezione della natura e del paesaggio.

Secondo il testo, lanciato da Pro Natura, BirdLife Svizzera, Patrimonio svizzero e dalla Fondazione svizzera per la protezione e la pianificazione del paesaggio, il numero di edifici e la loro superficie nelle zone non edificabili dovrebbe rimanere invariato.

Il Consiglio federale accoglie favorevolmente l'orientamento dell'iniziativa, e in particolare il rafforzamento del principio di separazione proposto, così come l'auspicata limitazione del numero di edifici e della loro superficie per frenare la continua perdita di terreno coltivo, precisa in una nota. Ritiene tuttavia che il testo lasci aperte importanti questioni relative all'attuazione, e in particolare come l'auspicato obiettivo debba essere concretamente raggiunto.

Questi punti fondamentali dovrebbero perciò essere chiariti a livello legislativo, senza che dal testo dell'iniziativa si possano desumere direttive chiare al riguardo, prosegue l'Esecutivo, aggiungendo che non è neppure sufficientemente chiaro se le diverse disposizioni giuridiche in vigore, in particolare quelle che concernono le prescrizioni vigenti in materia di agricoltura non dipendente dal suolo, siano compatibili con l'articolo costituzionale proposto. Insomma, per il Consiglio federale in caso di "sì" all'iniziativa, il quadro giuridico in materia di costruzioni al di fuori delle zone edificabili rimarrebbe incerto per un lungo periodo di transizione.

La decisione di non appoggiare l'iniziativa era già stata presa il 18 dicembre 2020, ricorda il Governo, che ha pure rinunciato a proporre un suo controprogetto e preferisce appoggiare quello messo a punto dalla Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S), che è in consultazione fino al 13 dicembre.

Il controprogetto mira a stabilizzare il numero di costruzioni al di fuori delle zone edificabili dando ai Cantoni un maggior margine di manovra, tenendo conto delle rispettive particolarità. Alcuni elementi della revisione della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) integrano e concretizzano le richieste di fondo dell'iniziativa sul paesaggio.

Per stabilizzare il numero di edifici e impianti si prevedono, principalmente, contributi che coprano i costi per la demolizione delle strutture ubicate fuori delle zone edificabili. I contributi sarebbero finanziati dai Cantoni con la partecipazione della Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
energia
9 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
16 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
18 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
19 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
20 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
21 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
21 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
22 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
1 gior
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
© Regiopress, All rights reserved