laRegione
31.08.21 - 16:05
Aggiornamento: 16:43

Pesci d'acquario troppo spesso vittima di padroni inesperti

L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) ha lanciato una campagna per sensibilizzare sul trattamento adeguato dei pesci domestici

Ats, a cura de laRegione
pesci-d-acquario-troppo-spesso-vittima-di-padroni-inesperti
(Keystone)

Molti pesci d'acquario muoiono in poco tempo a causa dell'incompetenza e della mancanza di esperienza delle persone che li hanno acquistati. L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) ha pertanto lanciato una campagna per contrastare questo deplorevole trend.

Con tre milioni di esemplari, i pesci d'acquario sono tra gli animali domestici più popolari nelle case svizzere, scrive l'USAV in una nota odierna. I loro colori sgargianti sono infatti un piacere per gli occhi.

Tuttavia, questi pesci non sono oggetti decorativi, avverte l'ufficio federale, che ha dato il via a una campagna di sensibilizzazione sul tema in collaborazione con diverse associazioni del settore ittico e per la tutela degli animali. Con un trattamento adeguato alcune specie possono vivere ben oltre i dieci anni, ma le lacune dei proprietari sono numerose.

I detentori sono spesso inesperti e non riconoscono la sofferenza del pesce, che sovente muore prematuramente entro i primi mesi. Inoltre, le differenti specie sono più di un centinaio, il che rende indispensabile un certo grado di competenza.

Stando all'USAV, si tratta di animali sensibili, dotati di intelligenza sociale e capacità di apprendimento. È però necessario mantenerli in modo appropriato: servono conoscenze sui loro bisogni, sulla qualità dell'acqua, sulle dimensioni dell'acquario, sull'alimentazione e così via.

Insomma, un compito impegnativo che presuppone una riflessione ben ponderata a monte della decisione di procedere con l'acquisto. Come linee guida generali, la campagna sottolinea l'importanza di informarsi adeguatamente, di scegliere acquari grandi, di non mettere insieme pesci che richiedono qualità dell'acqua diverse e di limitarsi, almeno inizialmente, a due o tre specie.

Chi non può o non vuole più tenere i propri pesci ha la possibilità di portarli in appositi "santuari", come AquaLuz di Sursee. La struttura lucernese nel 2020 ha accolto e si è presa cura di circa 17'000 esemplari e a 11'000 è stata trovata una nuova casa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
19 min
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 ora
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
2 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
2 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
2 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
3 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
6 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
7 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
10 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
11 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved