laRegione
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
SANDGREN T./TORPEGAARD M.
0
KAMKE T./STRICKER D.
0
fine
truffa-per-centinaia-di-milioni-di-franchi-condannata-a-45-mesi
(Keystone)
30.08.21 - 14:130
Aggiornamento : 16:57

Truffa per centinaia di milioni di franchi, condannata a 45 mesi

Si tratta di uno dei più grandi casi di truffa mai arrivati al Tribunale Penale Federale. La donna aveva ottenuto prestiti sulla base di documenti fittizi

Una tedesca 71enne è stata condannata a 45 mesi di reclusione dalla Corte penale del Tribunale penale federale (TPF). La donna, ex direttrice della società commerciale lucernese Fera, era accusata di aver ottenuto prestiti dalle banche producendo documenti fittizi, architettando in questo modo una frode da centinaia di milioni di franchi.

Si tratta di uno dei più grandi casi di truffa in Svizzera mai arrivati sui banchi del TPF. L'udienza principale ha avuto luogo all'inizio di luglio, mentre per la sentenza si è dovuto attendere fino a stamane.

La donna, il cui avvocato ha già preannunciato un probabile ricorso presso la Corte d'appello dell'istanza con sede a Bellinzona, è stata giudicata colpevole di diversi reati: falsità in documenti multipla, truffa per mestiere e cattiva gestione. Dalla pena detentiva, la cui esecuzione spetta al canton Lucerna, saranno sottratti i 107 giorni di carcerazione preventiva e i 205 di misure sostitutive (obbligo di annuncio e deposito dei documenti d'identità).

Secondo il Ministero pubblico della Confederazione (MPC), tra il 2002 e il 2010, anno del fallimento dell'azienda, la cittadina tedesca ha falsificato innumerevoli atti mentre dirigeva la società commerciale Fera. I reati commessi prima del 31 agosto 2006 sono però ormai caduti in prescrizione. Il tribunale ha comunque stimato l'ammontare del raggiro in oltre 300 milioni di franchi.

I documenti contraffatti sono stati utilizzati per certificare fantomatiche transazioni commerciali alle banche e incassare crediti per diverse centinaia di milioni di franchi. In poche parole con essi veniva certificata la vendita di macchine che de facto non era mai avvenuta.

L'accusa ha parlato della costruzione di una "rete di bugie" per convincere la comunità finanziaria della realtà delle transazioni. In verità, il numero di affari che andavano in porto era molto limitato.

Tra gli istituti finanziari interessati dalla vicenda, il più colpito è l'ex Skandifinanz Bank (ora Skandifinanz), che reclamava in totale dall'inizio della vicenda 134 milioni di euro, a cui vanno dedotti circa 10 milioni di franchi già recuperati in sede di dibattimento davanti al tribunale distrettuale di Zurigo. I crediti di altre tre banche ammontano a più di 22 milioni di franchi.

Anche la massa fallimentare di Fera AG e la sua società madre Blue Steel Holding (BSH) - controllata dal marito dell'imputata, che invece è stato assolto - hanno presentato richieste civili rispettivamente per 206 milioni di franchi e 123 milioni.

Nella lettura della sentenza, il presidente della corte ha parlato di una "colpevolezza molto grave", definendo la donna spinta dall'avidità di guadagno e da motivi egoistici per migliorare il suo status sociale. Ciò, a suo dire, è stato dimostrato anche durante il processo, nel quale l'interessata ha difeso costosi acquisti di vestiti da parte sua descrivendoli come "ragionevoli".

Tra il 2002 e il 2009 l'imputata ha speso circa un milione di franchi in un'unica boutique di Francoforte. Più o meno nello stesso periodo sono stati effettuati prelievi di contanti per 9,4 milioni.

I tre giudici hanno seguito in gran parte le argomentazioni della procura e respinto quelle della difesa, concedendo però attenuanti legate al fatto che è passato molto tempo dagli illeciti e alla durata estremamente lunga del procedimento.

(Causa SK.2020.57)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 min
‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’
Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
4 ore
Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+
Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
4 ore
Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi
A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
4 ore
‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’
Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
4 ore
Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050
Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
5 ore
In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense
Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
7 ore
Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti
Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
1 gior
Pierin Vincenz non si sente colpevole
L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
1 gior
Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera
Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
1 gior
‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’
La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile