laRegione
il-tf-nega-liberta-condizionale-al-triplice-assassino-di-wohlen
L'insegna del night club di Wohlen teatro del triplice omicidio nell'ottobre del 2000 (Keystone)
30.08.21 - 12:03

Il Tf nega libertà condizionale al triplice assassino di Wohlen

Per il Tribunale Federale, l'uomo, condannato all'ergastolo per aver ucciso tre donne in un night nel 2000, rappresenta tuttora un pericolo per la società

Ats, a cura de laRegione

Benché abbia già passato quasi 21 anni in carcere, un uomo che nel 2000 uccise tre donne in un night club di Wohlen (AG) non potrà beneficiarie della liberazione condizionale. Per il Tribunale federale (TF), il 49enne rappresenta tuttora un pericolo per la società.

L'uomo, un cittadino dominicano, è stato condannato all'ergastolo con una sentenza del 2003. Nell'ottobre del 2000 uccise tre sue connazionali in un night club di Wohlen. I cadaveri martoriati delle tre donne, che avevano fra 30 e 34 anni, furono trovati negli alloggi del personale del locale.

L'uomo, che al momento dei fatti aveva 29 anni, aveva fatto richiesta per ottenere la liberazione condizionale per la prima volta nel 2015, allo scadere del termine minimo di reclusione di 15 anni per i condannati all'ergastolo. Il Tribunale federale aveva respinto la richiesta, così come aveva fatto in precedenza l'Ufficio argoviese per l'esecuzione delle pene.

Lo scorso dicembre, il pluriassassino ha fatto un altro tentativo, cercando di ribaltare i rifiuti delle autorità argoviesi con un ricorso al Tribunale federale. Con una sentenza pubblicata oggi, i giudici di Losanna hanno nuovamente confermato la decisione negativa del Tribunale amministrativo cantonale.

Al pari dell'istanza inferiore, anche il TF ritiene che, in base a una perizia psichiatrica del 2014, si deve continuare a considerare che il 49enne possa commettere altri reati violenti.

L'alta propensione all'aggressività e alla violenza continua ad esistere, anche se si manifesta solo in alcune situazioni eccezionali, sottolineano i giudici di Mon Repos.

L'uomo ha tra l'altro dichiarato che una ripresa della terapia sarebbe un fattore di stress troppo grande per lui. La situazione è peraltro aggravata dalla "forte tendenza a consumare stupefacenti". Il detenuto è risultato positivo alla cannabis nell'aprile 2018. E nel settembre 2020, è stato nuovamente trovato in possesso di una quantità non trascurabile di cannabis.

La liberazione condizionale dopo aver scontato i due terzi della pena è la regola e il rifiuto l'eccezione, sottolineano i giudici del TF. Nel caso specifico, il rifiuto è tuttavia giustificato dalla necessità di proteggere il pubblico.

(Sentenza 6B_557/2021 del 18.8.2021)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
tribunale federale wohlen
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere
L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
6 ore
Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza
Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
7 ore
Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica
Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
7 ore
Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento
Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
8 ore
Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia
Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
9 ore
Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio
Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
9 ore
Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023
Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
11 ore
Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi
Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
12 ore
Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’
Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
12 ore
Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni
Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved