laRegione
24.08.21 - 14:34
Aggiornamento: 21:56

Mathys: 'Stiamo entrando nella quarta ondata'

Gli esperti della Confederazione: da inizio di luglio il numero di ricoveri in una settimana è aumentato di trenta volte.

Ats, a cura de laRegione
mathys-stiamo-entrando-nella-quarta-ondata
Patrick Mathys (Keystone)

La Svizzera è nella quarta ondata del coronavirus. Il numero di casi è in aumento tra i giovani, gli anziani e i bambini sotto i 10 anni. Il numero di casi è diminuito leggermente in una settimana, ma è simile a quello osservato nella terza ondata. Secondo gli esperti la situazione è preoccupante. "Possiamo parlare di una quarta ondata", ha detto Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Sulla base dei dati attuali, che secondo Mathys non consentono ancora di formulare previsioni esatte, il tasso di vaccinazioni non è al momento sufficiente per evitare un probabile aggravamento della situazione.

Il tasso di riproduzione (valore R) è di 1,22. L'incidenza è alta tra i giovani. Questo è anche il caso dei gruppi di età più avanzata e dei bambini sotto i dieci anni.

In termini di ricoveri ospedalieri, il livello si avvicina a quello della terza ondata della scorsa primavera, ha aggiunto Mathys. L'aumento è esponenziale. Da inizio di luglio il numero di ricoveri in una settimana è aumentato di trenta volte. Nove persone su dieci ricoverate non sono vaccinate. La vaccinazione protegge quindi dallo sviluppare una patologia grave. Da qui l'appello a farsi vaccinare, specie i più giovani, ma anche agli adulti: il virus si sta diffondendo rapidamente tra le persone oltre i 30 anni.

In terapia intensiva, la situazione è anche preoccupante e può essere descritta come tesa. Tre quarti dei letti sono occupati da pazienti Covid-19. I decessi, d'altra parte, rimangono a un livello basso.

Il ruolo dei vacanzieri

Il crescente carico di pazienti covid negli ospedali ha recentemente portato a un nuovo aumento dei trasferimenti tra gli ospedali. Il ritorno dei vacanzieri ha giocato un ruolo importante nell'aumento del numero di pazienti, ha detto Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali.

Il rispetto delle misure di protezione sta diventando sempre più scarso, ha aggiunto Hauri. "La pandemia non andrà via più velocemente se guardiamo dall'altra parte".

Nove ricoveri su dieci potrebbero essere evitati

La stragrande maggioranza dei ricoveri ospedalieri dovuti al coronavirus potrebbe essere evitata, ha detto Urs Karrer, vicepresidente della task force scientifica martedì. Attualmente, nove pazienti ospedalieri su dieci non sono completamente vaccinati.

Anche l'età dei pazienti ricoverati è diminuita drasticamente, ha detto Urs Karrer. Ora sono i 40-59enni a essere maggiormente rappresentati negli ospedali.

Il quaranta per cento dei ricoverati è stato infettato durante le vacanze, ha detto. Di questi, l'80% è stato infettato nei paesi dell'Europa sud-orientale. L'informazione sulla vaccinazione deve quindi essere migliorata per questo gruppo di popolazione. Anche le infezioni locali sono in aumento.

Tutto questo mette sotto pressione il sistema sanitario. "Se il numero di casi raddoppia ancora due volte, raggiungeremo il picco della seconda ondata", ha avvertito. "Fatevi vaccinare. Fatelo per proteggere voi stessi, i vostri cari, gli operatori sanitari e tutti noi".

'Anche i bambini dovrebbero essere vaccinati'

I benefici della vaccinazione superano i rischi dell'infezione da coronavirus, anche per i bambini dai 12 anni in su, ha detto martedì Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni. La vaccinazione per questa categoria della popolazione è stata autorizzata quindici giorni fa.

"La nuova variante Delta è molto più contagiosa", ha detto Christoph Berger. Ci sono sempre più infezioni tra i giovani.

Il beneficio della vaccinazione è chiaro, ha insistito. Previene le infezioni e mantiene le scuole aperte. I giovani con malattie croniche ne beneficeranno particolarmente. La vaccinazione protegge anche gli altri, specialmente i contatti stretti vulnerabili.

AstraZeneca e vaccini MRNA

Per quanto attiene a coloro che sono stati vaccinati con AstraZeneca all'estero, Berger consiglia un richiamo con un preparato ottenuto mediante il metodo MRNA. Non ci sono invece indicazioni per chi è stato vaccinato con prepararti non ammessi nella Confederazione. Anche le donne incinte dovrebbero farsi vaccinare: al momento non ci sono indicazioni contrarie.

In merito a una terza dose, secondo lo specialista una tale eventualità potrebbe essere raccomandata per coloro che soffrono di gravi problemi di salute o sono immunodepressi, allo scopo di evitare l'insorgere di gravi patologie. Attualmente, però, è più importante che chi non l'ha ancora fatto si faccia avanti.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
6 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
8 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
8 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
8 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
9 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
13 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
16 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved