laRegione
23.08.21 - 20:44

Lugano, pace e stabilità nell'incontro fra Cassis e Al Busaidi

Oman e Svizzera ribadiscono il perseguimento di una politica neutrale. È stata altresì discussa la possibilità di sbocchi futuri perle imprese elvetiche

Ats, a cura de laRegione
lugano-pace-e-stabilita-nell-incontro-fra-cassis-e-al-busaidi
Sayyid Badr bin Hamad bin Hamood Al Busaidi e Ignazio Cassis a Lugano (foto Ti-Press)

Il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato oggi a Lugano il ministro degli esteri dell'Oman, Sayyid Badr bin Hamad bin Hamood Al Busaidi.

Al centro dei colloqui vi era la cooperazione congiunta per la pace e la stabilità e i recenti sviluppi in Medio Oriente.

Cassis ha ribadito la volontà elvetica di sostenere il dialogo tra i vari paesi della regione. "Solo con il dialogo - ha spiegato il consigliere federale - è possibile alleviare le tensioni e aumentare la sicurezza in Medio Oriente", precisa una nota diffusa in serata dal Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae).

Svizzera e Oman perseguono una politica estera neutrale e sono entrambi noti per i loro buoni uffici e per il ruolo di mediatori nei conflitti, prosegue il comunicato. Sostengono gli sforzi per una ripresa del processo di pace nello Yemen, così come un miglioramento delle relazioni degli Stati in conflitto nell'area.

Cassis e il suo omologo hanno anche discusso dei possibili sbocchi futuri per le imprese svizzere in Oman e consolidato il dialogo già intrapreso in primavera - nel corso di un precedente faccia a faccia - sulla collaborazione nell'ambito della sanità e della formazione professionale per i giovani. Sono inoltre già previsti incontri a livello tecnico fra la delegazione svizzera e quella omanita durante l'Esposizione universale di Dubai, in programma da ottobre 2021 a marzo 2022.

Domani i due ministri parteciperanno insieme alla quarta edizione del Middle East Mediterranean Summer Summit, organizzato dall'Università della Svizzera italiana (Usi). Cassis prenderà parte a una tavola rotonda insieme a giovani provenienti dalla regione del Medio Oriente e del Nord Africa (Mena), una delle aree prioritarie della politica estera svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 min
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
22 min
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
1 ora
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
2 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
2 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
2 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
3 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani son diminuiti del 30%
Svizzera
5 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
17 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
22 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
© Regiopress, All rights reserved