laRegione
l'iniziativa
17.08.21 - 17:06
Aggiornamento: 20:05

'Salvate il denaro contante'

Un comitato vuole preservare monete e banconote, ritenendo pericoloso un sistema economico basato solo su scambi informatici e non fisici

Ats, a cura de laRegione
salvate-il-denaro-contante
Un prelievo al bancomat (Keystone)

Monete e banconote non devono sparire dalla circolazione. È quanto chiede un comitato che oggi a Berna ha lanciato un'iniziativa per fare in modo che il denaro contante venga mantenuto anche in futuro come mezzo di pagamento.

"Il contante è un simbolo di libertà, di indipendenza e di sicurezza", ha detto ai media Richard Kohler, presidente del Movimento per la libertà Svizzera (MLS) e all'origine dell'iniziativa "Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote". A suo avviso, si tratta di un'alternativa semplice e accessibile rispetto ai pagamenti elettronici ed è un sistema che non deve assolutamente scomparire.

Il testo esige che il denaro contante sia sempre disponibile in quantità sufficiente e che la sostituzione del franco con un'altra moneta sia sottoposta al voto del popolo e dei cantoni.

Indebolire la società

"In molti Paesi si stanno introducendo limiti al prelievo di contanti. Il denaro contante viene presentato ora come qualcosa di pericoloso e superato", ha sottolineato Charly Pache, responsabile della comunicazione del Mls ricordando come in Francia e Italia non è più possibile pagare in contanti per acquisti superiori a 1000 o 2000 euro.

Pure la Banca Nazionale Svizzera (Bns) sta lavorando all'introduzione di un franco digitale, anche se esso sarà disponibile - almeno inizialmente - solo per gli istituti finanziari. "Corriamo più rischi e indeboliamo la nostra società se non conserviamo il nostro denaro contante", ha poi sottolineato Pache.

"Le restrizioni o la scomparsa dei contanti aprirebbero la strada alla sorveglianza permanente delle nostre spese e attività", ha aggiunto Pache. I promotori dell'iniziativa sono particolarmente preoccupati degli sviluppi estremi, come il "sistema di credito sociale" cinese. Per il comitato d'iniziativa è chiaro: "Questo è un 'No-Go' in una democrazia come la Svizzera".

A essere un problema è anche la dipendenza totale dai sistemi informatici, ha spiegato Pache, facendo l'esempio di un possibile black-out o di semplici malfunzionamenti che potrebbero però compromettere la possibilità di effettuare transazioni.

Tempo fino al 17 febbraio 2023

Il comitato promotore dell'iniziativa ha ora tempo fino al 17 febbraio 2023 per trovare le 100'000 firme necessarie, poi toccherà al Parlamento chinarsi sulla questione. Nel 2019, il legislativo aveva respinto un'iniziativa del Canton Zugo che chiedeva di ancorare nella legge l'esistenza dei tagli delle banconote da 10, 20, 50, 100, 200 e 1'000 franchi.

Stando alla maggioranza dei parlamentari, non c'era nessuna indicazione che la Banca Nazionale intendesse cambiare il valore attuale. A sostenere tale tesi è la recente emissione delle nuove serie di banconote.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
33 sec
Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti
Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
7 min
Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro
Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
1 ora
Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’
Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
3 ore
‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’
Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
3 ore
Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale
Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
3 ore
Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta
È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
3 ore
Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’
Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
14 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
21 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
22 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
© Regiopress, All rights reserved