laRegione
burkart-voglio-unire-non-dividere
Thierry Burkart (Keystone)
plr
16.08.21 - 21:07
Aggiornamento: 21:45
Ats, a cura de laRegione

Burkart: ‘Voglio unire, non dividere’

L'avvocato, 45 anni, unico candidato alla successione di Gössi, vuole una ristrutturazione del partito: ‘Dobbiamo riaccendere il fuoco liberale’

Thierry Burkart vuole "riaccendere il fuoco liberale" e unire, non dividere. Sono queste le prime parole dell'unico candidato alla successione di Petra Gössi a capo del Plr. Il consigliere agli Stati argoviese vuole guidare il partito con una squadra di quattro vicepresidenti.

"Mi trovo davanti a voi con grande gioia e umiltà. Sapendo che grande compito dobbiamo affrontare", ha detto oggi Burkart in conferenza stampa a Berna. "Ho riflettuto molto sulla domanda per questo ruolo e ho un grande rispetto per questo compito".

Quattro vicepresidenti

L'avvocato 45enne ha chiesto anche una ristrutturazione della direzione del partito, con il numero di vicepresidenti che passerà da due a quattro: oltre agli attuali vicepresidenti, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (Ar e il consigliere nazionale Philippe Nantermod (Vs), Burkart propone che siano eletti nella direzione pure la "senatrice" Johanna Gapany (Fr) e il consigliere nazionale Andri Silberschmidt (Zh).

"Voglio che questa candidatura sia chiaramente intesa come quella di una squadra", ha spiegato Burkart ai media, promettendo una "forte voce" liberale. Tuttavia, ha ammesso, ciò richiede anche che il partito rimanga unito. "Unificare il partito sarà un grande compito di leadership per la nostra squadra", ha sottolineato l'argoviese.

Poiché Caroni e Silberschmidt erano membri della commissione cerca, Burkart ha dovuto aspettare che il lavoro del comitato fosse completato prima di poterli avvicinare: pertanto, ha spiegato il 45enne argoviese, la "squadra finale si è riunita solo negli ultimi giorni e quindi non posso ancora presentare un programma completo del partito".

Opinioni diverse

L'unico candidato alla presidenza del PLR non ha voluto definire l'orientamento del partito: "Le posizioni del partito sono determinate negli organi designati a questo scopo. Sarà qui che mi farò sentire", ha spiegato, citando tra i temi chiave l'energia, la migrazione e anche le assicurazioni sociali.

La Svizzera ha bisogno di una voce liberale e solo il Plr può fornirla, ha affermato Burkart, secondo il quale il partito deve offrire soluzioni a lungo termine, costruttive e ponderate.

Sulla politica europea, però, Burkart stesso ha contribuito alla spaccatura del partito con la sua dichiarazione iniziale a favore della rottura dei negoziati sull'accordo quadro con l'Ue. A differenza del partito, si è anche opposto alla legge sul CO2. A questo proposito, il "senatore" argoviese ha detto che il partito deve ora cercare un nuovo inizio. "Si tratta di riconoscere che tutti noi abbiamo avuto un ruolo nel passato, ma ora ci concentriamo sul futuro e diamo forma al partito".

Ci saranno sempre opinioni diverse nel partito liberale-radicale, ha detto. "Il punto è riconoscere questi diversi atteggiamenti all'inizio e cercare il consenso. Allora troveremo una posizione unitaria", ha detto Burkart, precisando che ci sono anche molte questioni sulle quali il partito si mostra unito. Negli ultimi mesi, tuttavia, le differenze sono venute alla ribalta.

Burkart ha anche commentato la futura politica climatica del Plr: "Sosteniamo l'accordo di Parigi sul clima. Per raggiungere questi obiettivi, abbiamo bisogno di una nuova legge sul CO2", ha detto, sottolineando però che le misure non dovranno essere sostenibili solo ecologicamente, ma pure socialmente. "Dobbiamo aderire al principio dei costi reali e cercare soluzioni ad ampio raggio", ha aggiunto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
avvocato candidato liberali petra gössi plr thierry burkart
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 min
Swisscom e l’apprendista ‘misterioso’
Un progetto pilota mira a selezionare i candidati senza sapere nulla dei loro studi e del loro curriculum. ‘La persona viene prima del suo dossier’
Svizzera
7 min
Nottata di violenti nubifragi a Basilea e in Ticino
Sulle sponde del Reno sono caduti 58 millimetri di pioggia al metro quadrato, 56 sulle rive del Lago Maggiore. Diverse le strade allagate
Svizzera
10 ore
Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera
Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
15 ore
‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’
Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
15 ore
Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere
La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
17 ore
Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne
Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
18 ore
Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga
Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
18 ore
Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica
Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
Svizzera
18 ore
Dal Ticino più diretti in Romandia. Aggirando Visp
Dopo anni di lavori, il 23 settembre aprirà la circonvallazione autostradale della località vallesana. Ma per ora solo sull’asse est-ovest
Svizzera
18 ore
Ecco le contromosse per scongiurare il blackout
Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza
© Regiopress, All rights reserved