laRegione
la-svizzera-rimpatria-tre-collaboratori-dall-afghanistan
(Keystone)
13.08.21 - 19:23
Aggiornamento: 21:15
Ats, a cura de laRegione

La Svizzera rimpatria tre collaboratori dall'Afghanistan

Lo ha dichiarato la Segreteria di Stato Livia Leu. Da mercoledi la Segreteria di Stato della Migrazione (Sem) ha inoltre sospesi i rimpatri verso il Paese.

La Confederazione reagisce all'avanzata dei talebani in Afghanistan: per motivi di sicurezza ha deciso di richiamare in patria tre collaboratori dell'Ufficio di cooperazione della Svizzera e dell'agenzia consolare in Afghanistan, che lasceranno Kabul "il prima possibile", ha spiegato oggi in conferenza stampa a Berna la segretaria di Stato Livia Leu, facendo il punto della situazione. Anche 40 collaboratori locali di lunga data della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e le loro famiglie - per un totale di circa 200 persone - potranno chiedere l'ingresso in Svizzera per motivi umanitari.

"Siamo preoccupati, condanniamo le violazioni e chiediamo una soluzione politica", ha detto oggi Leu, aggiungendo che la "situazione in Afghanistan si deteriora di giorno in giorno".

"Non sarebbe giusto rimpatriare solo i cittadini svizzeri. Dobbiamo fornire sicurezza anche al personale locale, così come stanno facendo gli Stati Uniti e la Germania", ha sottolineato Leu, precisando che si tratta di misure legate alla sicurezza e che le persone interessate potranno approfittare del programma di reinsediamento per motivi umanitari. "Poiché lavorano per la Svizzera, c'è il pericolo che siano visti come collaboratori dell'Occidente ostile e siano perseguitati", ha aggiunto il direttore della SEM Mario Gattiker.

Dal 2002 la Svizzera è rappresentata a Kabul da un ufficio di coordinamento, mentre l'ambasciata si trova a Islamabad, in Pakistan.

Al momento, secondo quanto indicato dalla segretaria di Stato, oltre ai collaboratori in Afghanistan si trova anche un viaggiatore elvetico che si è registrato presso il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Patrica Danzi, direttrice della DSC, ha reso noto dal canto suo che "il personale umanitario rimarrà sul campo. Stiamo verificando con i partner quali bisogni devono essere coperti".

Rimpatri sospesi

Già mercoledì 11 agosto la segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha annunciato la sospensione, fino a nuovo avviso, dei rimpatri verso l'Afghanistan "a causa della situazione venutasi a creare nel paese".

Al momento, ha spiegato Gattiker, ci sono circa 2'800 richiedenti asilo afghani nella Confederazione e in 130 casi si è nella fase di esecuzione dell'allontanamento. Essi, ha sottolineato, sono sospesi da mercoledì, mentre le domande di asilo continueranno ad essere elaborate. I preparativi per il rimpatrio verranno portati avanti solo nel caso di persone che hanno commesso reati gravi, ma si concretizzeranno non appena saranno nuovamente possibili, ha precisato il direttore della SEM.

L'Afghanistan aveva già chiesto a inizio luglio alla Svizzera di interrompere per tre mesi i rimpatri di richiedenti asilo respinti, a causa dell'avanzamento dei talebani e della pandemia di coronavirus. Una sospensione chiesta anche da organizzazioni umanitarie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan livia leu rimpatri sem svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
10 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
12 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
12 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
14 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
17 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved