laRegione
in-una-settimana-piu-contagi-e-ricoveri-nessun-vaccinato-deceduto
12.08.21 - 15:44
Aggiornamento: 18:34

In una settimana più contagi e ricoveri, nessun vaccinato deceduto

Nella settimana dal 2 all'8 agosto i contagi sono aumentati del 45%; solo l'1,2% è riferito a persone vaccinate, che contano 5 ricoveri su 138 e nessun morto

Un aumento significativo dei contagi da coronavirus, più ricoveri ospedalieri, ma decisamente meno morti in relazione al Covid-19: questo è il bilancio del rapporto settimanale pubblicato oggi dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) per la Svizzera e il Liechtenstein per il periodo dal 2 all'8 agosto.

L'UFSP ha registrato un aumento del 45% delle nuove infezioni da coronavirus nella settimana in esame: 7607 contro le 5249 della settimana precedente - cioè 88 per 100.000 abitanti (il cosiddetto tasso di incidenza) rispetto a 61 nella settimana prima. Il gruppo di età più colpito è stato quello dai 20 ai 29 anni, i meno colpiti sono stati quelli da 0 a 9 anni e quelli dai 60 anni in su.

I ricoveri ospedalieri sono passati da 91 a 138. Dopo un calo continuo registrato dalla fine di marzo, il numero di ospedalizzazioni sta costantemente salendo dall'inizio di luglio.

L'1,2% dei contagiati è vaccinato, nessun decesso

Dei 7'607 casi settimanali, solo 91 sono riferiti a persone vaccinate con due dosi, pari all'1,2% dei contagi totali: in 5 casi si è reso necessario il ricovero, mentre non si segnalano decessi di persone vaccinate. La fascia di età dei vaccinati numericamente più colpita è quella delle persone fra 20 e 29 anni, con 17 casi, seguita dalla fascia 40-40 con 16 casi: sono 3, inoltre, i contagi sotto i 20 anni, di cui nessuno sotto i 10 anni. Dei ricoverati, 4 su 5 appartengono alla fascia di persone con più di 80 anni, mentre in un caso è stata ricoverata una persona vaccinata di età fra i 60 e i 69 anni.


(Dati: UFsp, elaborazione LaRegione)

Dal 27 gennaio sono 19 le persone vaccinate decedute a causa del Covid, di cui 18 oltre gli 80 anni di età e uno fra i 60 e i 69 anni. Nello stesso periodo sono in totale 563 le persone che pur avendo ricevuto due dosi del vaccino hanno contratto il virus, di cui 221 (quasi il 40%) oltre i 70 anni di età: di esse 103 sono state ricoverate in ospedale, con 75 casi (quasi 3 su 4) riferiti a persone sopra i 60 anni.

Se si considera il tasso di copertura vaccinale nella popolazione svizzera (poco meno del 50%) come pure il numero totale di casi di Covid-19, la quota di ricoveri o decessi di persone completamente vaccinate è molto bassa, rileva l'UFSP.

Anche tenendo conto di un alto numero di casi di contagio non segnalati, la proporzione di infezioni tra le persone completamente immunizzate rientra nella forbice prevista dagli studi di autorizzazione dei vaccini. Secondo questi studi, l'efficacia dei due prodotti disponibili in Svizzera - Moderna e Biontech/Pfizer - è infatti del 94-95%.


Fonte: UFSP

 

Tanti in cure intensive

Nella settimana in esame, c'erano in media 53 pazienti affetti da Covid-19 in un'unità di terapia intensiva, il 36% in più rispetto alla settimana precedente.

La proporzione di pazienti con Covid-19 tra quelli ricoverati in terapia intensiva era a metà luglio scesa al 3,8%. Poi, alla fine del mese, la quota è aumentata di nuovo per la prima volta per raggiungere l'8,8% nella settimana in esame.

Il numero di morti è diminuito da 10 a 3 rispetto alla settimana precedente e si è quindi mantenuto a un livello basso, sottolinea l'UFSP.

Il tasso di incidenza dei casi di coronavirus confermati in laboratorio in Svizzera e nel Liechtenstein nel periodo in questione variava dai 6 casi in Appenzello Interno ai 170 casi nel cantone di Ginevra, sempre ogni 100.000 abitanti e per settimana. In 21 cantoni, il tasso di incidenza è aumentato di oltre il 10%.

Delle persone il cui decesso può essere messo in relazione con il coronavirus dall'inizio della pandemia, il 96% soffriva di almeno una malattia pregressa. Le tre condizioni preesistenti più frequentemente citate sono l'ipertensione (61%), le malattie cardiovascolari (anch'esse 61%) e le malattie renali croniche (28%).

I dati sui vaccinati

Nel corso dell'ultima settimana, i contagi fra le persone vaccinate con doppia dose sono stati 91. Di questi, 5 sono stati ricoverati in ospedale, mentre nessun vaccinato è deceduto. La percentuale sul totale dei


L'UFSP rileva che vi sono persone che muoiono a causa o in relazione al Covid-19 malgrado siano state completamente vaccinate: finora, con una sola eccezione, si è sempre trattato di ultra 80enni. Dal 27 gennaio sono stati 19. Nello stesso periodo sono 563 le persone che pur avendo ricevuto due dosi del vaccino hanno contratto il virus: di esse 103 sono state ricoverate in ospedale.

Se si considera il tasso di copertura vaccinale nella popolazione svizzera (poco meno del 50%) come pure il numero totale di casi di Covid-19, la quota di ricoveri o decessi di persone completamente vaccinate è molto bassa, rileva l'UFSP.

Anche tenendo conto di un alto numero di casi di contagio non segnalati, la proporzione di infezioni tra le persone completamente immunizzate rientra nella forbice prevista dagli studi di autorizzazione dei vaccini. Secondo questi studi, l'efficacia dei due prodotti disponibili in Svizzera - Moderna e Biontech/Pfizer - è infatti del 94-95%.

 


 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
52 min
Adozioni illegali, le autorità non hanno fatto il loro dovere
È il caso di 85 bambini provenienti dallo Sri Lanka e adottati nel canton San Gallo
Svizzera
1 ora
Ottimo avvio estivo per gli impianti di risalita svizzeri
Nel periodo maggio-giugno su base annua registrato un aumento del 59% dell’affluenza e del 58% del fatturato. Non sono noti i dati relativi al Ticino
Svizzera
1 ora
Seco: disoccupazione in calo in ogni regione e settore
Il direttore della divisione del lavoro presso la Segreteria di stato dell’economia commenta positivamente i dati odierni sul mercato del lavoro svizzero
Svizzera
1 ora
Allarme per l’approvvigionamento di gas
‘Il Paese non si rende conto di quanto sia grave la situazione’, afferma il presidente di Swissgas André Dosé.
Svizzera
2 ore
Falsi poliziotti: aumentano i casi anche in Ticino
Nella Svizzera romanda i criminali sono riusciti a estorcere alle vittime quasi 800mila franchi dall’inizio dell’anno
Svizzera
2 ore
A maggio più pernottamenti a livello nazionale, meno in Ticino
Nel mese di riferimento l’aumento è del 37,5% rispetto al 2021, ma il nostro Cantone segna un -27,8%. Ad Ascona la contrazione maggiore, tiene Lugano
Svizzera
3 ore
Operaio muore sotto un vagone cisterna a Briga
La vittima è un 62enne residente nel Vallese. Fermi i treni navetta tra Briga e Iselle di Trasquera.
Svizzera
4 ore
Disoccupazione cala al 2%, minimo da oltre 20 anni
In Ticino si contano 3’879 persone senza lavoro: il tasso è del 2,3%. I dati Seco, però, non tengono conto di chi ha esaurito il diritto alle prestazioni.
Svizzera
8 ore
‘In Ucraina le infrastrutture di base sono duramente colpite’
Guerra, emergenza umanitaria, ricostruzione: intervista a Martin Schüepp, Direttore delle Operazioni del Comitato internazionale della Croce Rossa
Svizzera
21 ore
Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi
Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
© Regiopress, All rights reserved