laRegione
vaccino-mader-troppi-scrupoli-sui-diritti-individuali
Il presidente di Economiesuisse vuole che lo si renda obbligatorio (Ti-Press)
Svizzera
08.08.21 - 10:110

Vaccino, Mäder: 'Troppi scrupoli sui diritti individuali'

Il presidente di Economiesuisse parla di un possibile obbligo sul posto di lavoro: 'È la via maestra per uscire dalla pandemia'

Le autorità federali hanno troppi scrupoli riguardo ai diritti individuali dei cittadini in materia di vaccinazione anti-Covid: ne è convinto il presidente di Economiesuisse Christoph Mäder. "Non capisco come si sia arrivati a questa discussione generalizzata sulla ragionevolezza della vaccinazione"", afferma il 62enne in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. "La questione è diventata una sorta di guerra di religione. Dobbiamo contrastare questa situazione e dire chiaramente: la vaccinazione è la via maestra per uscire dalla pandemia, non ce ne sono altre".

A convincere la popolazione devono essere in primo luogo la Confederazione, i cantoni e i datori di lavoro, si dice convinto il giurista con trascorsi presso Novartis e soprattutto Syngenta. "Però la Confederazione sta avendo troppo riguardo nei confronti delle remore relative alla libertà individuale e ai diritti umani. Anche per me questi valori sono importanti. Ma in una crisi del genere è chiaro che la vaccinazione è l'unica reazione giusta. Questo la Confederazione lo deve propagandare con la forza necessaria e lo deve sottolineare ancora più intensamente".

Anche Economiesuisse potrebbe lanciare una grande campagna. "Il tema viene effettivamente trattato", spiega il presidente (dall'ottobre 2020) della federazione delle imprese elvetiche. Riguardo a un possibile obbligo di vaccinazione sul posto di lavoro, Mäder ritiene che vi siano ambiti "in cui questo dovrebbe essere esaminato molto attentamente e probabilmente potrebbe essere introdotto". Si dovrebbe affrontare la questione soprattutto negli ospedali e nelle case di cura. Il membro di consigli di amministrazione di varie società, fra cui Lonza (che produce vaccini), è anche a favore di un uso più ampio del certificato Covid. "Dobbiamo parlare di restrizioni di accesso, soprattutto per eventi, ristoranti e centri fitness".

Nel frattempo però Mäder è critico riguardo ai tempi del ritorno alla normalità scelti dal governo. "Le riaperture devono orientarsi alla situazione di rischio. Il numero delle ospedalizzazioni è molto basso, quindi adesso sarebbero possibili ulteriori allentamenti. Non conosco le basi di decisione del Consiglio federale, ma con la situazione attuale devono arrivare ulteriori aperture. Uno stop fino a nuovo avviso sarebbe la via sbagliata", conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 min
La terza dose prolunga di un anno il certificato Covid
Il certificato vale per 12 mesi a partire dall’ultima vaccinazione, e tale è considerata anche la vaccinazione di richiamo ai fini della validità
Svizzera
47 min
Casse malati: meno sono efficienti, più sono care
Uno studio del portale Comparis dimostra che i premi più alti sono concentrati nelle assicurazioni malattia che hanno costi amministrativi maggiori
Svizzera
1 ora
Fuori uso alcuni tabelloni orari delle Ffs
Il problema riguarda sia i tabelloni centrali che gli schermi presenti lungo i binari e ha colpito quelli di vecchia generazione
Svizzera
19 ore
Situazione pandemica sfavorevole, torna l’aumento dei casi
Secondo gli esperti c’è il rischio di un prossimo sovraccarico delle strutture ospedaliere. Tasso di riproduzione sotto l’1 solo in due cantoni
Svizzera
19 ore
Posta, il Ceo Roberto Cirillo difende le acquisizioni
Il Ceo del Gigante giallo sostiene che servano introiti supplementari e respinge le accuse di distorsione della concorrenza
Svizzera
20 ore
In Svizzera 1’491 nuovi contagi e 9 decessi
Il tasso di positività sale al 6,73%, mentre continua a crescere l’incidenza
Svizzera
20 ore
Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio
Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65
Svizzera
23 ore
Casse malati, presentato il sistema a forfait ambulatoriali
Il sistema tariffario per mezzo di forfait per le prestazioni ospedaliere ambulatoriali sarà sottoposto al Consiglio federale
Svizzera
1 gior
La pandemia non ha fatto esplodere l’aiuto sociale
Le richieste sono aumentate solo dello 0,5%. A frenarle soprattutto gli aiuti stanziati da Confederazione, cantoni e comuni. Messe in luce alcune mancanze
Svizzera
1 gior
A un anno dalla pandemia dimezzato l’uso dei mezzi pubblici
Secondo i dati del microcensimento mobilità e trasporti, a inizio 2021 è stato percorso il 31% di km in meno rispetto all’anno precedente
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile