laRegione
06.08.21 - 14:26
Aggiornamento: 20:37

Attivisti per il clima a Berna, nel mirino la BNS

Circa 1'500 persone hanno partecipato a un flash mob per contestare gli investimenti della Banca Nazionale Svizzera in petrolio, carbone e gas

Ats, a cura de laRegione
attivisti-per-il-clima-a-berna-nel-mirino-la-bns
(Keystone)

Circa 1500 persone si sono riunite oggi a Berna per alzare la voce a favore del clima. La manifestazione chiude la settimana d'azione "Rise Up for Change", iniziata lo scorso venerdì con l'allestimento di "un campo climatico" a Zurigo.

Oggi nel mirino dei dimostranti, in gran parte giovani, c'è la Banca nazionale svizzera (BNS), criticata per gli investimenti in petrolio, carbone e gas. Questa mattina è stato organizzato una flash mob - con una sorta di simbolico "oleodotto" sulla Piazza federale volto a denunciare le pratiche commerciali poco sostenibili della BNS - davanti alla sede dell'istituto. Già a inizio settimana gli attivisti, nel centro di Zurigo, hanno bloccato le entrate delle sedi di Credit Suisse e di UBS per protestare contro gli investimenti nei combustibili fossili delle due grandi banche.

La BNS dovrebbe smettere immediatamente di investire in progetti e aziende che violano i diritti umani e distruggono ecosistemi, sostengono i manifestanti, secondo i quali l'istituto detiene attualmente azioni per un valore di 5,5 miliardi di franchi in imprese che producono combustibili fossili.

Con la manifestazione odierna - autorizzata dalle autorità - si è chiusa la settimana di protesta a favore del clima. Un progetto, quello di "Rise Up for Change", sostenuto anche dal collettivo Sciopero per il clima e dall'organizzazione animalista Extinction Rebellion. Nel pomeriggio, gli attivisti, contrariamente al programma originale, hanno dato vita a un corteo dalla Münsterplatz (poco lontano da Piazza federale) verso la Schützenmatte (davanti al centro autonomo della Reitschule). Il corteo non era autorizzato, ma è stato tollerato, ha spiegato Reto Nause, direttore della sicurezza della città di Berna all'agenzia Keystone-ATS.

Settimana d'azione per il clima

I partecipanti alla settimana d'azione hanno allestito lo scorso venerdì il "campo climatico" nella zona dell'ex stadio dell'Hardturm di Zurigo. Nel corso della settimana sono avvenuti incontri, workshop, concerti, momenti di svago e di discussione incentrati sulla responsabilità climatica della piazza finanziaria. L'obiettivo, secondo gli organizzatori, è di "mettere le istituzioni finanziarie svizzere su una traiettoria sociale e climatica".

Lo scorso lunedì mattina erano circa 200 gli attivisti per il clima che hanno invaso la Paradeplatz e la Banhofstrasse a Zurigo, bloccando le entrate delle sedi di Credit Suisse e di UBS. I manifestanti hanno ostruito il passaggio con barili, file di biciclette e sedendosi a terra e attirato l'attenzione con canti, cori e striscioni. La polizia è intervenuta sul posto in forze: dopo un primo ultimatum, ha sgomberato i blocchi e arrestato 83 persone.

Nel settembre 2020, invece, gli attivisti avevano occupato la Piazza federale di Berna. Il loro accampamento di protesta è stato inizialmente tollerato, ma poi sfrattato dalla polizia dopo 48 ore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
9 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
10 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
13 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved