laRegione
05.08.21 - 16:06
Aggiornamento: 18:44

Circola il doppio delle auto dal 1980, ma si muore 5 volte meno

Negli ultimi 40 anni, viaggiare in Svizzera è diventato sempre più sicuro. Il mezzo di trasporto più sicuro è il treno, il più pericoloso la moto.

Ats, a cura de laRegione
circola-il-doppio-delle-auto-dal-1980-ma-si-muore-5-volte-meno
Gli svizzeri passano in media 90 minuti al giorno nel traffico, di cui 8 minuti di attesa (Keystone)

Negli ultimi 40 anni, viaggiare in Svizzera è diventato sempre più sicuro. Anche se ci sono il doppio di auto private sulle strade, gli incidenti mortali sono un quinto rispetto al 1980. Il mezzo di trasporto più sicuro è il treno, il più pericoloso la moto. Negli ultimi dieci anni (2010-2019), in particolare, si è registrato in media un decesso ogni 67,3 miliardi di chilometri percorsi in treno, stando alle cifre pubblicate oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST). Il rischio di perdere la vita è 68 volte maggiore in auto, 782 volte più alto in bicicletta e 1776 volte in moto.

Gli svizzeri passano in media 90 minuti al giorno nel traffico, di cui 8 minuti di attesa. La metà di questi tragitti è effettuato nel tempo libero (45,2 minuti). Per recarsi al lavoro il tempo medio è di 17,3 minuti, per gli acquisti di 13,2 minuti e per andare a scuola di 5,5 minuti. L'automobile è il mezzo di trasporto prescelto in quasi tre quarti dei casi (71%). La ferrovia è al secondo posto (16%), seguono poi gli spostamenti a piedi (4%), in autobus e tram (3%) e in bicicletta (2%).

Auto elettriche ancora molto rare

Il traffico stradale è cambiato non solo quantitativamente ma anche qualitativamente. Le auto elettriche, malgrado l'aumento registrato negli ultimi tempi, rappresentano ancora una quota trascurabile: dei quasi 4,7 milioni di automobili registrate in Svizzera nel 2020, solo 177'104 erano elettriche o ibride, ovvero il 3,75%.

Negli ultimi 20 anni, il segmento delle auto diesel è cresciuto di gran lunga di più. Il numero è più che decuplicato raggiungendo 1,4 milioni di vetture. Le auto a benzina sono diminuite di circa il 10% a poco meno di 3,1 milioni di veicoli.

50% di morti in meno grazie al lockdown

Nel 2020, primo anno della pandemia, il traffico stradale è diminuito significativamente e di conseguenza anche gli incidenti mortali. Nel 2019 sono decedute 42 persone per milione di abitanti in Svizzera, nel 2020 sono state solo 22, cioè il 52,4% in meno. In Europa è quasi un record: solo la Norvegia ha registrato una diminuzione leggermente più marcata, da 43 a 20 morti per milione di abitanti.

La maggior parte degli incidenti stradali in Svizzera sono stati causati dalla velocità elevata, oltre il 15% dei casi. L'alcol è la seconda causa e rappresenta poco meno del 10% del totale. La maggior parte degli incidenti mortali o che comportano gravi ferite è stato causato nel 2020 da uomini tra i 18 e i 24 anni, seguiti poi da uomini tra i 45 e i 64 anni. Le ragazze giovani (18 ai 24 anni) causano meno di 4 incidenti gravi per 10'000 abitanti in media, mentre i loro coetanei più di 9. La percentuale è più elevata per le donne dai 45 anni in su.

Solo il 2% di autostrade

La superficie della rete stradale nazionale è cresciuta del 50%, di gran lunga più di tutte le vie di trasporto negli ultimi 40 anni. Le altre strade sono aumentate solo del 15%. Le autostrade coprono però solo il 7% della superficie totale dell'infrastruttura di trasporto, e il 2% in termini di lunghezza.

I picchi di traffico nei giorni feriali sono tra le 7 e le 8 del mattino e tra le 5 e le 6 del pomeriggio. Il sabato, il volume di traffico è quasi lo stesso dei giorni feriali, tranne che il picco si verifica due ore più tardi al mattino e due ore prima nel pomeriggio. Il sabato sera la circolazione è due volte più densa che nelle sere feriali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
15 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
17 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
19 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
20 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
21 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved