laRegione
30.07.21 - 14:47
Aggiornamento: 18:47

Comparis ha pagato il riscatto dopo l'attacco informatico

In una presa di posizione la compagnia rivela di aver trovato un accordo con gli hacker per il ripristino di alcuni dati essenziali

comparis-ha-pagato-il-riscatto-dopo-l-attacco-informatico
(Keystone)

Dopo aver subito un attacco informatico, il portale di comparazione Comparis ha pagato un riscatto. Lo ha confermato la stessa compagnia all'agenzia finaziaria AWP. "Abbiamo trovato un accordo con i ricattatori", si legge in una presa di posizione.

La gran maggioranza del sistema è stato ripristinato con mezzi propri. In meno di 48 ore i servizi erano di nuovo online. "Grazie all'accordo trovato siamo riusciti a rimpossessarci di alcuni dati essenziali per il nostro lavoro, che non saremmo stati in grado di recuperare, o solamente con molta fatica".

"Inside Paradeplatz" aveva dato per primo l'informazione del ricatto pagato. Quanto è stato pagato non viene però rivelato. La compagnia non ha commentato le speculazioni mediatiche che parlano di 400'000 dollari. Gli autori dell'attacco non sono noti.

Comparis è stata colpita da un attacco informatico il 7 luglio. L'azione ha bloccato diversi sistemi, incluso il sito internet. Gli hacker hanno poi chiesto un riscatto per rilasciare i dati. Inizialmente, l'idea di pagare era stata rifiutata dalla compagnia.

Leggi anche:

Comparis vittima degli hacker. ‘Non paghiamo riscatto’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 min
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma.
Svizzera
14 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
15 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
15 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
15 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
18 ore
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
19 ore
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
21 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
23 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
1 gior
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
© Regiopress, All rights reserved