laRegione
27.07.21 - 12:20
Aggiornamento: 18:11

Il canton Grigioni vuole abbattere dei lupi

I predatori hanno ucciso pecore e capre e ferito due asini e un vitello in vari alpeggi. Si spera di poter sparare almeno al lupo solitario della Prettigovia.

il-canton-grigioni-vuole-abbattere-dei-lupi
Keystone
Abbassata la soglia per far fuoco

Coira – I lupi hanno ucciso pecore e capre e ferito due asini e un vitello in diversi alpeggi dei Grigioni. Il cantone intende quindi abbattere alcuni esemplari.

I grandi predatori hanno colpito non solo nelle aree di Surselva e Hinterrhein, ma anche in Prettigovia e in Mesolcina, precisa un comunicato dell'Ufficio grigionese della caccia e della pesca. Finora sono state uccise 106 pecore e una capra, numeri simili a quelli dell'anno scorso. Adrian Arquint, a capo dell'ufficio, qualche giorno fa ha dichiarato all'agenzia di stampa Keystone-ATS, che nel 2020 molti episodi sono avvenuti nelle valli, mentre quest'anno ce ne sono stati di più sulle Alpi.

Un lupo solitario in Prettigovia si è dimostrato particolarmente pericoloso visto che ha ucciso in un breve periodo di tempo diverse pecore di un gregge protetto. A Schamserberg, nella valle di Hinterrhein, sono stati feriti due asini in aree recintate e nella regione di Valzeina, vicino a Trimmis, un lupo ha attaccato un vitello di dieci mesi.

Sfruttare il margine di manovra più ampio

Il cantone intende ora abbattere diversi grandi predatori, se le condizioni sono soddisfatte. La Confederazione ha abbassato le soglie che autorizzano i cantoni a prendere misure contro singoli lupi o a regolare i branchi da metà luglio. Possono essere presi in conto solo i capi di bestiame sufficientemente protetti da cani o recinzioni elettriche e altre misure.

Il Cantone ritiene che vi siano le condizioni per abbattere il lupo solitario della Prettigovia. Vi sarebbero i numeri anche per agire sui due branchi di Valgronda e Stagias, nella Surselva. Prima di procedere però occorre determinare se il branco si è riprodotto quest'anno e quanti cuccioli sono nati. Anche per quanto riguarda il branco di Beverin, si stanno esaminando le condizioni per ordinare un eventuale abbattimento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
2 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
2 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
7 ore
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
8 ore
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
9 ore
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
1 gior
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
1 gior
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
1 gior
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
1 gior
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
© Regiopress, All rights reserved