laRegione
23.07.21 - 18:43
Aggiornamento: 20:26

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo

Ats, a cura de laRegione
il-plr-i-non-vaccinati-senza-sintomi-paghino-il-test-covid
(Ti-Press)

Secondo il PLR le persone che potrebbero vaccinarsi ma si rifiutano di farlo dovrebbero pagarsi i test antigenici rapidi se sono asintomatici. E le varie restrizioni in futuro sarebbero da applicare solo a chi è senza un certificato di vaccinazione anti-Covid.

Il PLR esige inoltre che le aziende del settore sanitario assicurino la vaccinazione dei dipendenti che hanno contatti con gruppi a rischio. Le autorità dovrebbero sollecitarle a farlo. Il partito non chiede però la vaccinazione obbligatoria per tutto il personale medico, sottolinea un comunicato diffuso in serata.

L'obiettivo è quello di garantire che, nonostante la crescita attuale dei casi di infezione, il maggior numero possibile di persone possa continuare a condurre una "vita normale" e di evitare di sovraccaricare gli ospedali. Si tratta di un appello alla responsabilità personale, affinché le chiusure a livello nazionale possano essere evitate, aggiunge la nota.

Queste misure devono essere prese ora per contrastare un peggioramento della situazione con il "ritmo lento" delle vaccinazioni. Ulteriori interventi non sono necessari al momento - scrive il partito - ma solo se la situazione negli ospedali peggiora "rapidamente".

Il vaccino - sottolinea - è attualmente l'unico modo per "combattere realmente" il virus SARS-CoV-2 e quindi proteggere la vita e tornare alla normalità economica e sociale. È quindi responsabilità di ogni individuo sopportare le conseguenze delle proprie decisioni. Le restrizioni di libertà per tutta la popolazione - compresi quelli che sono guariti e quelli che sono stati vaccinati - non possono più essere giustificate, conclude il PLR.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
10 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
12 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
14 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
15 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
17 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved