laRegione
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
07:55
 
martullo-blocher-rinviare-lo-stop-delle-centrali-nucleari
(Keystone)
Svizzera
22.07.21 - 11:380
Aggiornamento : 16:56

Martullo-Blocher: rinviare lo stop delle centrali nucleari

Secondo la consigliera nazionale Udc, la Svizzera rischia di rimanere a corto di corrente. I Verdi: idea bislacca

Secondo la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher (UDC/GR), la Svizzera rischia di rimanere a corto di corrente. Di conseguenza, le centrali nucleari esistenti dovrebbero continuare a funzionare. A lungo termine, poi, andrebbe realizzato un nuovo impianto atomico.

Il fotovoltaico, l'energia idroelettrica o le importazioni di elettricità dall'UE non sono in grado di colmare il deficit di elettricità. La Svizzera non può quindi permettersi di chiudere le sue centrali nucleari e perdere un terzo della produzione elettrica indigena, afferma Martullo-Blocher in un'intervista al "Blick".

La deputata democentrista chiede inoltre alla ministra del settore, Simonetta Sommaruga (PS), di risolvere il problema mettendo a punto con i gestori degli impianti nucleari il modo di prolungare, in maniera sicura ed efficiente, la vita operativa di quelli esistenti.

Secondo gli esperti - aggiunge Martullo-Blocher - un'estensione di dieci anni sarebbe possibile. E nel caso di una concessione si presume un tempo di funzionamento di 50 anni. La Svizzera non può permettersi di spegnere l'ultimo impianto nucleare nel 2035: i tempi sono troppo ristretti quando si parla di approvvigionamento energetico, secondo l'imprenditrice, figlia dell'ex consigliere federale Christoph Blocher.

Una proroga della durata di vita degli impianti atomici avrebbe un costo, ma senz'altro inferiore rispetto ai problemi causati dalle interruzioni di corrente che altrimenti paralizzerebbero l'intera Svizzera, sottolinea Martullo-Blocher, CEO e vicepresidente del consiglio di amministrazione di Ems-Chemie, azienda nelle specialità chimiche.

Per Martullo-Blocher, la ministra dell'energia Sommaruga deve inoltre negoziare con l'UE al fine di capire velocemente se l'Unione sia in grado di fornire la corrente necessaria. Come soluzione di ripiego rapida, la consigliera federale dovrebbe prevedere - volente o nolente - la costruzione di una centrale a gas.

A lungo termine, nuove tecnologie come l'energia geotermica, l'idrogeno, ma anche l'energia nucleare tornerebbero in considerazione. La Svizzera è già il terzo paese più caro d'Europa per l'elettricità a uso industriale, nota la CEO di Ems-Chemie.

Un'idea bislacca per i Verdi

La reazione dei Verdi alla proposta della vicepresidente dell'UDC non si è fatta attendere. Per la consigliera nazionale Delphine Klopfenstein Broggini, la proposta è "assurda". Una nuova centrale non darebbe alcun contributo alla svolta energetica: ci vorrebbero anni prima che un nuovo impianto si metta a produrre elettricità.

Oltre a ciò, una nuova centrale rappresenta un severo rischio per la sicurezza, stando alla deputata ginevrina, anche per le scorie che verrebbero prodotte per le quali "non è ancora stata trovata una soluzione definitiva".

Per Klopfenstein Broggini, l'avvenire energetico della Svizzera risiede nelle rinnovabili, come l'ha confermato il popolo accettando in votazione la Strategia energetica 2050. Insomma, "bisogna definitivamente voltare le spalle al nucleare". Al momento esistono alternative valide, nonché meno care, all'atomo. Non ci resta altro da fare, ora, che cambiare marcia, ha concluso.

Attualmente, in Svizzera sono in funzione quattro centrali atomiche: Beznau I e II, Leibstadt e Gösgen. Alla fine del 2019 è stata spenta quella di Mühleberg (BE). Resta ancora da stabilire, nel quadro dell'abbandono graduale del nucleare, quando gli altri reattori saranno disattivati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'
Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
14 ore
Panne all’aereo: Parmelin salta l’incontro con Naruhito
Problemi tecnici al jet del Consiglio federale in volo per Tokyo. Cancellati gli appuntamenti con l’imperatore e il ministro degli esteri giapponesi.
Svizzera
14 ore
Vaccini e effetti collaterali: non gravi quasi 2/3 dei casi
Delle 4'319 notifiche di effetti indesiderati, 2'782 (64,4%) sono classificate come 'non serie'. L'età media delle persone colpite è di 60,2 anni
Svizzera
15 ore
La grandine ha causato più danni delle inondazioni in Svizzera
Ammontano a centinaia di milioni di franchi i danni causati dalla grandine, secondo i dati delle assicurazioni
Svizzera
16 ore
Vaccinato con due dosi il 46,1% della popolazione svizzera
La media delle vaccinazioni è di 45'536 al giorno. Il ritmo è diminuito del 17% rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
16 ore
Quest'anno le pere e le mele si faranno attendere
La fioritura in Svizzera è avvenuta 17 giorni dopo rispetto al 2020, i frutti potranno essere raccolti con tre settimane di ritardo rispetto all'anno scorso
Svizzera
17 ore
In Svizzera calano (di poco) i contagi, 2 decessi
Il tasso di positività scende di oltre un punto percentuale. La situazione ospedaliera resta stabile a livelli bassi circa i letti occupati da pazienti Covid
Svizzera
18 ore
Due ex islamisti condannati dal Tribunale penale federale
Condanne a 30 mesi di reclusione, parzialmente sospesi, e 22 mesi sospesi per due residenti a Ginevra. Entrambi si sono distanziati dall'Islam radicale
Svizzera
19 ore
Raffreddare la città usando il fiume, Berna ci pensa
L'azienda comunale che si occupa dell'infrastruttura della capitale sta pensando di usare l'energia dell'Aare per impianti di raffreddamento ecologici
Svizzera
1 gior
La task-force: sistema 'a colori' per i Paesi a rischio
Gli esperti chiedono la quarantena per chi proviene da una zona 'viola', ovvero ad alta circolazione di varianti preoccupanti anche per i vaccinati
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile