laRegione
22.07.21 - 10:25
Aggiornamento: 13:12

Ogni anno 200 incidenti a causa di ciclisti indisciplinati

Per l'Ufficio prevenzione infortuni si tratta del 10% di tutte le collisioni gravi in Svizzera. Nella maggior parte dei casi non rispettano la precedenza.

ogni-anno-200-incidenti-a-causa-di-ciclisti-indisciplinati
'È necessario rispettare le regole' (Ti-Press)

“I ciclisti che non rispettano le regole della circolazione causano ogni anno 200 collisioni con morti o feriti gravi, pari al 10% di tutte le collisioni gravi che si verificano sulle strade svizzere”. Lo ha indicato in un comunicato l'Ufficio prevenzione infortuni (Upi), precisando che “nella maggior parte dei casi sono loro stessi a pagare il prezzo più alto per i loro errori”. L'analisi svolta dall'Upi mete poi “in luce un dato sorprendente: sono relativamente pochi gli incidenti gravi dovuti a infrazioni palesi come bruciare un semaforo, circolare sul marciapiede e simili. Hanno invece molto più spesso conseguenze fatali le semplici inosservanze del diritto di precedenza”. E l'inosservanza del diritto di precedenza causa ogni anno in media quattro morti e oltre 60 feriti gravi.

Sensibilizzare e intensificare i controlli

Come conferma la statistica degli incidenti, le infrazioni del codice della strada commesse dai ciclisti sono tutt'altro che banali, visto che possono avere conseguenze gravi sia per i diretti interessati, sia per i pedoni e altri ciclisti. Per questo non possono essere tollerati dal punto di vista della prevenzione degli incidenti. Stando all'Upi serve dunque “una sensibilizzazione specifica focalizzata tra l'altro sul rispetto delle regole, ad esempio attraverso controlli di polizia mirati e regolari nei punti in cui si verificano spesso situazioni critiche”.

Proteggere meglio la mobilità ciclistica

Sulle strade sono molte le situazioni pericolose per i ciclisti. È quindi importante intervenire con misure adeguate. Per l'Upi è fondamentale iniziare dall'infrastruttura: “una rete di vie ciclabili sicura, ben connessa e attrattiva, con pochi tempi d'attesa e deviazioni, potrebbe indurre i ciclisti a utilizzarla maggiormente e ad attenersi alle regole, il che renderebbe i loro spostamenti più sicuri”. Per proteggere meglio la mobilità ciclistica occorre puntare anche sui progressi tecnologici dell'industria automobilistica. Stando all'Ufficio prevenzione infortuni, “la gravità delle collisioni tra automobili e biciclette può essere ridotta grazie a sistemi come l'assistente alla frenata d'emergenza, l'avviso di collisione e l'assistente alla svolta. È importante promuovere la diffusione di questi sistemi e adeguare costantemente alle nuove evoluzioni l'istruzione alla guida”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
14 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
15 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
15 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
17 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
20 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
20 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
1 gior
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
© Regiopress, All rights reserved