laRegione
16.07.21 - 21:13
Aggiornamento: 21:37

Massima allerta per laghi e fiumi, prime esondazioni a Lucerna

Il lago dei Quattro Cantoni ha raggiunto un punto critico. Evacuata una casa di riposo a Thun

massima-allerta-per-laghi-e-fiumi-prime-esondazioni-a-lucerna
Il livello dell'acqua che sale a Lucerna (Keystone)
+1

La Svizzera ha vissuto un'altra giornata di massima allerta sul fronte del maltempo. Fra i vari avvenimenti, il lago dei Quattro Cantoni ha raggiunto un punto critico, causando l'inondazione di parte del centro della città di Lucerna.

Verso le 10.00 il lago ha raggiunto un livello di 434,90 metri. L'acqua ha invaso la Schwanenplatz, la piazza del centro tra il lago e la città vecchia. Chiusi per ragioni di sicurezza i mitici ponti della città. Problemi simili si sono registrati anche sulle coste di Obvaldo e Nidvaldo.

A Berna e Thun (Be) il fiume Aare sempre più ingrossato ha portato le autorità ad alzare il livello d'allerta al grado 5, ovvero il massimo esistente.

Alla stazione di Schönau, nella città federale, attorno alle 13:00 si registravano 565 metri cubi di acqua al secondo. La pressione sugli argini mobili recentemente installati è quindi in aumento. Non si è però ancora a cifre record: nel 1999 si erano segnalati 613 metri cubi d'acqua al secondo. Delicata anche la situazione a Thun Schwäbis, con 500 metri cubi al secondo, contro i 564 del 1999.

Nelle stesse zone, il grado di allerta massima vale anche per i laghi di Bienne e Thun. Al lago di Bienne attorno alle 17:30 si è battuto di un centimetro il record che resisteva dal 2007, arrivando a 430,89 metri. Nell'area si sono registrati anche problemi al traffico.

A Thun una casa di riposo ha dovuto essere evacuata per motivi di sicurezza. Sedici residenti dell'istituto Provivatis hanno dovuto essere trasferiti poiché l'accesso all'edificio non poteva più essere garantito ai soccorritori.

Esondazioni si registrano in diverse parti della Svizzera. Nel canton Sciaffusa, ad esempio, le importanti precipitazioni hanno portato i ruscelli ad allagare parzialmente i comuni di Schleitheim e Beggingen. Un fiotto alto un metro ha per un attimo attraversato le strade, è entrato nelle cantine, ha trascinato via dei veicoli e ha distrutto piccoli ponti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 min
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
3 ore
Per la Rega nel 2022 un numero di pazienti soccorsi da record
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
17 ore
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
22 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
22 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
23 ore
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
1 gior
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
1 gior
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
1 gior
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
1 gior
Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’
L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
© Regiopress, All rights reserved