laRegione
13.07.21 - 20:23
Aggiornamento: 21:19

La Svizzera ha esportato armi per 357 milioni di franchi

I dati si riferiscono al primo semestre del 2021: vendite in calo. Il principale acquirente è la Romania

Ats, a cura de laRegione
la-svizzera-ha-esportato-armi-per-357-milioni-di-franchi
Un depliant di armi al Salone di Lucerna (Keystone)

La Svizzera ha esportato armi per un valore di quasi 357 milioni di franchi nel primo semestre del 2021. Principale acquirente è stata la Romania, con un volume di poco più di 73 milioni di franchi, ha annunciato oggi la Segreteria di Stato dell'economia (Seco). Rispetto allo stesso periodo del 2020, le esportazioni sono diminuite del 40%.

La più grande fetta delle esportazioni di materiale bellico è andata a Paesi europei, con un volume complessivo di 240 milioni di franchi. In Medio Oriente, armamenti per un valore di 18,5 milioni sono stati venduti all'Arabia Saudita, che è coinvolta nella guerra in Yemen.

Gli Emirati Arabi Uniti, anch'essi coinvolti in questa guerra, hanno acquistato circa 3 milioni di franchi di materiale bellico da produttori svizzeri. Le esportazioni verso l'Asia hanno raggiunto un volume complessivo per 32 milioni di franchi.

Nel continente americano, il Brasile ha acquistato armi per 2 milioni di franchi. La parte del leone l'hanno fatta gli Stati Uniti con un volume di 40 milioni di franchi su un totale di esportazioni per 45,5 milioni di franchi nell'America del Nord e del Sud.

In Africa, il Botswana ha rappresentato la fetta più grande con poco meno di 34,7 milioni di franchi su un volume totale di 38,2 milioni di franchi. L'Australia, la Nuova Caledonia e la Nuova Zelanda hanno acquistato dalla Svizzera materiale bellico per un valore di 2,4 milioni di franchi.

Gli Stati che figurano nella lista sono 58 e rappresentano i Paesi in cui materiale viene "usato o trasformato, o altrimenti elaborato prima di essere riesportato", scrive la Seco.

Nella prima metà dello scorso, le esportazioni di materiale bellico ammontavano a 501 milioni di franchi. In tutto il 2020, il volume complessivo ha raggiunto 901 milioni di franchi, una cifra record e in crescita del 24% rispetto all'anno precedente.

In una nota, il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) parla di "scandalo", sottolineando come anche nella prima metà del 2021 la Svizzera abbia fornito materiale bellico "a Paesi coinvolti in guerre civili e violazioni dei diritti umani".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
10 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
12 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
14 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved