laRegione
08.07.21 - 14:39
Aggiornamento: 11.07.21 - 21:16

Legge Covid, consegnate le firme del referendum-bis

Tre gruppi di cittadini hanno raccolto oltre 187mila firme. Giudicano la normativa discriminatoria nei confronti delle persone non vaccinate.

legge-covid-consegnate-le-firme-del-referendum-bis
Keystone
Torneremo a votare

Berna – Gli oppositori alla legge Covid-19 ci riprovano: oggi hanno inoltrato alla Cancelleria federale le firme del loro secondo referendum contro una normativa che, a loro parere, attribuisce troppo potere al Consiglio federale e discriminerebbe le persone non immunizzate. A detta degli organizzatori della consultazione - gli "Amici della Costituzione", la "Rete scelta vaccinale" (Réseau Choix Vaccinal) e l'Alleanza d'azione dei cantoni primitivi - sarebbero state raccolte in circa tre settimane quasi 62mila firme, sulle 50mila necessarie. Ad oggi, le sottoscrizioni dei tre comitati sono oltre 187 mila, come indica il portale leggecovid-no-ch.

Queste ultime due organizzazioni avevano già lanciato il secondo referendum ancor prima che la legge Covid 19 - contro la quale era stato lanciato un primo referendum nella sua versione del 25 di settembre - venisse approvata dal popolo lo scorso 13 di giugno. Il secondo referendum prende ora di mira gli emendamenti alla legge adottati dal parlamento lo scorso mese di marzo durante la sessione primaverile.

Per gli avversari della rivista legge, il certificato Covid per le persone vaccinate, guarite o testate negativamente discrimina i non vaccinati. Far dipendere la partecipazione alla società dall'avvenuta vaccinazione è incostituzionale a loro parere. Inoltre, non vi sono minacce tali da richiedere un simile passo.

Il Consiglio federale ha scelto il 28 novembre quale data per il secondo voto. Nella votazione del 13 giugno, il popolo aveva approvato la legge Covid 19 col 60,2% delle preferenze.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
21 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
22 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
22 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved