laRegione
07.07.21 - 12:03
Aggiornamento: 14:16

Argovia, 116 kg di marijuana nel rimorchio dell'autobus

Arrestati i due autisti del bus e altre due persone a bordo di un'auto che accompagnava il pullman

Ats, a cura de laRegione
argovia-116-kg-di-marijuana-nel-rimorchio-dell-autobus
(Ti-Press)

Nel rimorchio di un autobus argoviese in viaggio nel canton Vaud sono stati sequestrati alla metà di giugno 116 chili di marijuana. Lo stupefacente ha un valore di oltre un milione di franchi sul mercato nero.

I due autisti del bus, entrambi kosovari, sono stati arrestati dopo aver attraversato il confine svizzero in un'operazione condotta in collaborazione con l'Amministrazione federale delle dogane, indica oggi in una nota la Procura generale argoviese.

Sono stati arrestati anche altri due kosovari che erano a bordo di un'auto che accompagnava il pullman. I quattro uomini, di età compresa fra 26 e i 45 anni, si trovano ora in detenzione preventiva.

I due uomini sull'auto di scorta, il 42enne proprietario di un'azienda di viaggi del canton Argovia e il fratello di 38 anni, sono sospettati di aver importato ripetutamente marijuana in Svizzera a bordo di autobus. Nei loro confronti sono in corso procedimenti per sospetto traffico di stupefacenti su larga scala.

Per tutti gli arrestati vale il principio della presunzione d'innocenza, precisa la procura argoviese, che intende fornire nuove informazioni una volta chiusa l'inchiesta.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
33 min
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
18 ore
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
18 ore
Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina
Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
19 ore
Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo
Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
23 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
1 gior
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
1 gior
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
1 gior
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
© Regiopress, All rights reserved