laRegione
05.07.21 - 13:06
Aggiornamento: 13:37

Dieudonné nega l’accusa di discriminazione razziale

Il comico francese alla sbarra oggi a Ginevra. ‘Non nego assolutamente l’esistenza delle camere a gas’.

dieudonne-nega-l-accusa-di-discriminazione-razziale
Keystone
L’arrivo al tribunale

Ginevra – «Non nego assolutamente l’esistenza delle camere a gas, ho sempre riconosciuto la sofferenza degli Ebrei». Così si è difeso stamane davanti al Tribunale di polizia di Ginevra il controverso comico e polemista Dieudonné. Lo ha riferito il quotidiano ginevrino ‘Le Temps’. Il 55enne francese, già condannato a più riprese in patria per propositi antisemiti, deve rispondere delle accuse di discriminazione razziale, ingiuria e diffamazione.

A fine maggio, il processo era stato rinviato in quanto Dieudonné, in tournée in Francia, non aveva risposto alla convocazione della giustizia, disertando l'aula. La presidente del tribunale Sabina Mascotto si era rifiutata di giudicare l'imputato in contumacia, insistendo sull'importanza della sua presenza.

Camere a gas

Secondo l'atto d'accusa, Dieudonné M'Bala M'Bala (questo il suo nome per esteso), durante show svolti nella città di Calvino e a Nyon (VD) nel 2019, ha fatto dire a un personaggio che "le camere a gas non sono mai esistite". Per il Ministero pubblico cantonale ciò rappresenta un caso di discriminazione razziale.

Per la procura tale frase non nascondeva alcuna ambiguità o la possibilità di interpretazioni equivoche. Il pubblico poteva fare un collegamento solo con le camere a gas utilizzate dalla Germania nazista nel corso della Seconda Guerra mondiale, la cui esistenza "è un fatto storico acclarato".

Stando all'accusa, con questa affermazione il comico francese non poteva ignorare il fatto che il pubblico avrebbe capito che le persone prese di mira erano quelle di fede ebraica. Il Ministero pubblico non ha dubbi: Dieudonné è stato spinto da "un movente discriminatorio".

Denuncia del Cicad

Il procedimento penale aperto a Ginevra fa seguito a una denuncia depositata dal Coordinamento intercomunitario contro l'antisemitismo e la diffamazione (Cicad). L'organo ritiene inoltre di essere stato insultato da Dieudonné, che, sul palco, lo aveva mandato a quel paese senza troppi giri di parole e in modo volgare.

Infine, l'umorista avrebbe anche intenzionalmente diffamato il segretario generale del Cicad. Dieudonné ha infatti definito Johanne Gurfinkiel un bugiardo e un razzista.

La giornata odierna è quasi di ordinaria amministrazione per il comico francese, un frequentatore assiduo dei tribunali. È stato in effetti già condannato diverse volte in patria per le sue esternazioni di incitamento all'odio. L'ultimo episodio risale solo a venerdì scorso quando, per due casi distinti, gli sono stati appioppati quattro mesi di carcere e una multa di 10'000 euro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
12 ore
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
17 ore
Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato
Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
17 ore
L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo
SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior
È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’
L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior
Luce verde all’export di munizioni in Qatar
Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
1 gior
Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio
Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
1 gior
Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più
Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
1 gior
Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol
L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
1 gior
Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre
Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
© Regiopress, All rights reserved