laRegione
03.07.21 - 16:36

"Esigiamo il ritorno al tavolo delle trattative"

Sono 450 gli impiegati del ramo falegnameria che oggi sono scesi in piazza a Zurigo per chiedere un contratto collettivo di lavoro "equo e forte"

esigiamo-il-ritorno-al-tavolo-delle-trattative
Sito Unia

Riaprire le trattative e definire un contratto collettivo di lavoro. Sono queste le richieste espresse dai dipendenti del ramo falegnameria. "Dal 1° gennaio 2021, nel settore regna una situazione di vuoto contrattuale", si legge in un comunicato congiunto di Unia e Syna. "Cresce la minaccia di dumping salariale e di una sfrenata concorrenza. In occasione della manifestazione tenutasi nella giornata di oggi a Zurigo, 450 falegnami hanno chiesto all’associazione padronale Asfms di abbandonare l’atteggiamento ostruzionistico e di riprendere le trattative. Una petizione firmata da 2'435 persone sostiene questa rivendicazione".

All’inizio dell’anno è giunto a scadenza il Contratto collettivo di lavoro (Ccl) per il settore falegnameria. Le cause sono da ricercarsi "nel fatto che l’Associazione svizzera dei fabbricanti di mobili e serramenti (Asfms), nel quadro di una votazione interna tenutasi alla fine di novembre, aveva respinto il pacchetto precedentemente negoziato, che prevedeva un Ccl rielaborato e l’introduzione di un modello di pensionamento anticipato". Dal canto loro, le iscritte e gli iscritti di Unia e Syna avevano approvato "senza indugio il pacchetto negoziale. Ora regna una situazione di vuoto contrattuale".

"Senza contratto collettivo di lavoro, il ramo professionale è minacciato dal dumping salariale, da un deterioramento generale delle condizioni di lavoro e, a causa della pressione esercitata dalla concorrenza straniera, da una guerra dei prezzi molto più accanita", prosegue il comunicato. Alla luce di queste circostanze, Giuseppe Reo, responsabile delle trattative del sindacato Unia, ha invitato oggi i datori di lavoro a "tornare alla ragione". «Non possiamo andare avanti così. Nel settore della falegnameria i nostri problemi li risolviamo insieme. Noi siamo pronti a negoziare. Ora la palla passa ai datori di lavoro. I/Le 450 falegnami presenti hanno espresso a gran voce il loro consenso».

La petizione chiede la ripresa delle trattative

2'435 occupate e occupati della falegnameria provenienti dalla Svizzera tedesca e dal Ticino hanno espresso la medesima rivendicazione in una petizione indirizzata all’associazione padronale Asfms. Sadik Dinaj, falegname di Rafz ZH, si è fatto portavoce dei suoi colleghi e delle sue colleghe affermando che «i giovani sono il nostro futuro. Come si presenterà questo futuro senza condizioni di lavoro sicure e senza perfezionamenti?». La petizione esige il ritorno dei datori di lavoro al tavolo delle trattative con l’obiettivo di concludere un contratto collettivo equo e forte. In caso contrario, ha concluso Johann Tscherrig, segretario centrale del sindacato Syna, le tensioni nel ramo professionale rischiano di aumentare. «Senza un Ccl non ci sarà pace sociale».

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
11 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
14 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
15 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
17 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
19 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved