laRegione
30.06.21 - 14:58

Cf: vaccini AstraZeneca andranno in gran parte a Covax

Il Governo ha deciso di trasmettere quattro milioni di dosi del preparato all'iniziativa Oms per garantirne l'accesso a tutti i paesi del mondo

Ats, a cura de laRegione
cf-vaccini-astrazeneca-andranno-in-gran-parte-a-covax
Keystone

Il Consiglio federale ha deciso di trasferire a Covax Facility gran parte dei vaccini anti Covid AstraZeneca ordinati dalla Confederazione. Si tratta di circa 4 milioni di dosi, su un totale di 5,4 milioni, con le quali il Governo intende dare un contributo alla lotta globale alla pandemia.

La Confederazione si sta concentrando in particolare sui vaccini che si basano su una tecnologia a mRNA - prodotti da Moderna e Pfizer/BioNtech - e che hanno dimostrato di essere molto efficaci e ben tollerati. Saranno comunque utilizzati anche altri preparati, in particolare per le persone che sono intolleranti a quelli a mRNA.

Visto che c'è abbastanza vaccino disponibile per proteggere la popolazione elvetica, il Governo ha deciso di trasmettere quattro milioni di dosi del preparato di AstraZeneca all'iniziativa Oms per garantirne l'accesso a tutti i paesi del mondo.

Nelle mani della Confederazione restano 1,4 milioni di dosi, destinate alla Svizzera. Per la loro somministrazione viene data priorità alle persone che sono intolleranti ai vaccini a mRNA, hanno ricevuto una prima dose di AstraZeneca all'estero, o a coloro che vogliono un vaccino alternativo a quello a mRNA.

Questo tipo di vaccino sarà disponibile non appena Swissmedic avrà rilasciato una licenza e l'Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) avranno approvato la raccomandazione di vaccinazione.

Lo scorso anno, la Svizzera ha sostenuto Covax con 20 milioni di franchi a favore dei 92 Paesi a reddito basso. In aprile il Consiglio federale ha inoltre deciso di sostenere l'Access to COVID-19 Tools Accelerator (ACT-A) con ulteriori 300 milioni di franchi, 125 milioni dei quali confluiranno nello strumento Covax. L'obiettivo dell'ACT-A è quello di promuovere l'accesso ai vaccini anti-COVID-19, ai medicamenti e ai test nonché di potenziare i sistemi sanitari nella lotta alla pandemia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
7 ore
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
8 ore
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
8 ore
Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina
Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
8 ore
Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali
Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
8 ore
Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento
La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
10 ore
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
11 ore
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
13 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
13 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
© Regiopress, All rights reserved