laRegione
unia-disuguaglianze-aumentate-durante-la-pandemia
Una delle mobilitazioni degli anni scorsi (Ti-Press/Archivio)
29.06.21 - 13:11
Aggiornamento: 21:34

Unia: 'Disuguaglianze aumentate durante la pandemia'

Il sindacato ha esaminato 37 aziende nello studio sulla forbice salariale. Indennità di lavoro ridotto a 14 imprese che hanno distribuito dividendi

"Mentre la crisi provocata dal coronavirus genera difficoltà esistenziali per molti lavoratori e lavoratrici a causa del lavoro ridotto e della disoccupazione dovuta alla pandemia, manager e azionisti si riempiono spudoratamente le tasche. Nel 2020, nei maggiori gruppi svizzeri la forbice salariale si attestava a 1:137. E 14 imprese hanno distribuito dividendi benché abbiano beneficiato delle indennità per lavoro ridotto". Nel suo annuale studio sulla forbice salariale, il sindacato Unia ha messo sotto la lente 37 imprese, la maggior parte delle quali quotate in borsa. Dall’analisi emerge che mentre la crisi dovuta alla pandemia mette molti lavoratori e lavoratrici in difficoltà esistenziali a causa del lavoro ridotto e della disoccupazione. Invece, manager e gli azionisti non si fanno scrupoli a riempirsi le tasche con salari e compensi. 

Compensi esorbitanti e salari bassi

Il divario salariale rimane elevato. In Svizzera nel 2020 il rapporto tra il salario più basso e quello più alto all'interno di un'azienda si attestava in media a 1:137. La differenza maggiore si è registrata presso il gigante farmaceutico Roche: la retribuzione di 14,6 milioni del Ceo Severin Schwan superava di 298 volte il salario più basso che Roche può corrispondere in Svizzera. In altre parole, una persona impiegata presso Roche dovrebbe lavorare 298 anni per raggiungere la retribuzione annua di Schwan. Accanto a Schwan di Roche, altri tre Ceo hanno ottenuto oltre 10 milioni di franchi nel 2020: Sergio P. Ermotti dell’Ubs (13,3 milioni), Ulf Mark Schneider di Nestlé (10,7 milioni) e Vasant Narasimhan di Novartis (10,4 milioni). I salari più bassi versati nei gruppi presi in esame corrispondevano a un salario mediano di 3939 franchi (x13 mensilità). In altre parole, nella metà delle imprese il salario più basso era inferiore a 4000 franchi. Questi bassi salari non bastano quasi per vivere.  

Manager guadagnano di più malgrado le perdite

Alcune imprese non rinunciano a concedere aumenti salariali ai loro manager neppure quando sono in perdita: Presso l’azienda farmaceutica Alcon il salario più elevato ha registrato un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente, attestandosi a 7,6 milioni di franchi, malgrado le perdite di 498 milioni di franchi. Lo scorso anno il salario più alto corrisposto da Swiss Re ha toccato i 6,1 milioni di franchi, benché l’impresa abbia registrato perdite nell’ordine di 823 milioni di franchi e abbia tagliato il 14,3% dei posti di lavoro.Ad approfittarne non sono tuttavia solo i dirigenti, ma in larga misura anche gli azionisti. Nell’anno pandemico 2020, la distribuzione dei dividendi agli azionisti ha registrato un aumento del 5%. Il totale dei versamenti (dividendi e riacquisti di azioni) delle 32 imprese esaminate ha raggiunto i 60,6 miliardi di franchi. Di queste 32 imprese, 10 hanno distribuito l’83% del totale dei dividendi. In particolare Nestlé, Roche e Novartis hanno versato l’esorbitante cifra di 33,1 miliardi di franchi ai loro azionisti.  

Più denaro agli azionisti che al personale

Mentre i manager e gli azionisti hanno intascato ingenti somme, i costi del personale sono calati del 5% rispetto all’anno precedente. Gli 1,3 milioni di collaboratrici e collaboratori delle imprese esaminate hanno ottenuto solo il 67% dei versamenti complessivi. Il restante 33% è andato agli azionisti. Nel 2020, Ems Chemie, Partners Group, Swiss Re e Nestlé hanno persino versato più denaro agli azionisti che al personale. A guidare questa poco onorevole classifica è ancora una volta Ems Chemie: gli azionisti hanno ottenuto 468 milioni di franchi (+ 6 milioni), pari al 69%. Le figlie di Blocher hanno intascato da sole quasi il 49% della torta. Questa cifra supera il totale dei costi del personale, fermi al 31%. Nell’anno in esame, 14 delle imprese esaminate hanno beneficiato di aiuti statali sotto forma di indennità per lavoro ridotto, distribuendo al contempo dividendi, per un totale complessivo di 8,2 miliardi di franchi. Le assemblee generali degli azionisti tenutesi all’inizio del 2021 hanno deciso di mantenere o persino aumentare i dividendi. Al contempo, nel 2020, Lindt & Sprüngli e Straumann hanno tagliato dei posti di lavoro, mentre Schindler ha annunciato licenziamenti. Nell’anno pandemico 2020 è stato conteggiato un totale di 360,5 milioni di ore di lavoro ridotto, in particolare nell’industria alberghiera e della ristorazione nonché nella vendita al dettaglio, tutti rami professionali caratterizzati da salari molto bassi. Circa il 35% degli occupati dell’industria alberghiera e della ristorazione è stato colpito dal lavoro ridotto. Poiché generalmente per il lavoro ridotto è corrisposto solo l’80% del salario, questi lavoratori si sono ritrovati in una situazione finanziaria estremamente precaria.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
disuguaglianze aumentate forbice salariale pandemia unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 min
Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal
È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
15 min
Avs: modifiche appezzate soprattutto dagli uomini
Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
1 ora
Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn
L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
Svizzera
2 ore
Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica
Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.
Svizzera
17 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
17 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
18 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
19 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
21 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
1 gior
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
© Regiopress, All rights reserved