laRegione
23.06.21 - 20:03

Lavoro ridotto, aumentata la durata massima dell’indennità

Le aziende potranno riceverla fino alla fine di febbraio 2022. Prorogato il diritto per apprendisti, lavoratori a tempo determinato e su chiamata assunti.

lavoro-ridotto-aumentata-la-durata-massima-dell-indennita
Keystone
Prorogate alcune delle facilitazioni introdotte in materia di lavoro ridotto

Berna – Le aziende che hanno percepito l'indennità per lavoro ridotto (ILR) ininterrottamente dall'inizio della pandemia potranno continuare a ricevere questo sostegno fino alla fine di febbraio 2022: il Consiglio federale ha aumentato oggi a 24 mesi la durata massima di riscossione dell'ILR. Oltre a ciò, è stato prorogato fino al prossimo 30 settembre il diritto a queste indennità per gli apprendisti, per le persone impiegate a tempo determinato e per i lavoratori su chiamata assunti a tempo indeterminato.

Le relative modifiche dell'ordinanza COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione entreranno in vigore il prossimo primo luglio, indica un comunicato governativo odierno, nel quale viene precisato che i Cantoni, le associazioni mantello delle parti sociali consultate e la commissione parlamentare competente sono favorevoli alle modifiche adottate.

Procedura semplificata fino al 30 settembre

Nonostante il miglioramento della situazione epidemiologica e le relative riaperture, alcune aziende devono ancora ricorrere all'ILR. La proroga della procedura semplificata permetterà così di continuare ad alleggerire l'onere delle imprese e degli organi d'esecuzione dell'assicurazione contro la disoccupazione.

Dal momento che si prevede una riduzione del ricorso all’ILR a seguito degli allentamenti, la proroga della procedura semplificata è limitata per ora al 30 settembre 2021.

Inoltre, spiega l'Esecutivo, a partire dal prossimo primo di luglio sarà reintrodotto il "Rapporto sulle ore perse per motivi economici", il modulo con cui i dipendenti confermano le ore perse e dichiarano che continuano ad accettare il lavoro ridotto.

Periodo di attesa di un giorno

Per quanto riguarda invece gli apprendisti, le persone impiegate a tempo determinato e i lavoratori su chiamata assunti a tempo indeterminato, il diritto all'ILR è prorogato fino alla fine di settembre. Per le due ultime categorie di persone, le indennità vengono concesse solo se l'attività aziendale è ancora significativamente limitata da provvedimenti disposti dalle autorità.

Il Consiglio federale ha tuttavia deciso di non prorogare l'abolizione del periodo d'attesa: pertanto, dal prossimo primo luglio si applicherà di nuovo un periodo d'attesa di un giorno, che è la franchigia minima prevista dalla legge.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
40 min
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
2 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
3 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
6 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
23 ore
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved