laRegione
20.06.21 - 14:10
Aggiornamento: 18:18

Abusi sessuali in ambito ecclesiale, al via uno studio

La Conferenza dei vescovi svizzeri si attende che vengano alla luce nuovi casi, spesso ci vogliono 30 o 40 anni prima che una vittima si faccia avanti

abusi-sessuali-in-ambito-ecclesiale-al-via-uno-studio

La Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS) intende avviare in autunno uno studio su larga scala relativo agli abusi sessuali nella Chiesa. Dobbiamo attenderci che vengano alla luce nuovi casi, afferma il responsabile, il vescovo di Coira Joseph Bonnemain, in un'intervista pubblicata dal portale kath.ch, ricordando che spesso ci vogliono 30 o 40 anni prima che una vittima si faccia avanti.

I contratti con scienziati indipendenti sono in fase di elaborazione, "siamo sulla buona strada", specifica Bonnemain. Prima era necessario motivare le diocesi, le congregazioni religiose, altre comunità religiose e la Conferenza centrale cattolica romana della Svizzera (RKZ) a partecipare, precisa il vescovo, aggiungendo che questo compito "ha richiesto molta energia - ma è molto importante per lo studio". Bonnemain si dice ottimista sul lancio del progetto in autunno. I nomi degli scienziati coinvolti non saranno comunicati fino ad allora. "Lo studio ha senso solo se tutto è sul tavolo e le ricercatrici e i ricercatori possono lavorare al cento per cento in maniera indipendente".

Affrontare la questione degli abusi ha rafforzato la sua determinazione a fare la cosa giusta per le persone senza risparmiare l'istituzione, aggiunge il 72enne, che per 19 anni è stato segretario della commissione di esperti della CVS "Abusi sessuali in ambito ecclesiale".

In questo contesto, egli afferma di aver imparato molto e vissuto molte cose dolorose. È fondamentale che i vescovi continuino a "chiarire con determinazione e facciano prevenzione", conclude il Bonnemain, in carica alla testa della diocesi di Coira dal mese di marzo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
32 min
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
34 min
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
6 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
15 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
16 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
16 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
18 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
21 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
21 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
1 gior
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
© Regiopress, All rights reserved