laRegione
13.06.21 - 16:41

Legge CO2, ‘chiara reazione d’orgoglio nelle zone rurali’

Il consigliere nazionale Piero Marchesi analizza il ‘no’ alla normativa respinta dal 51% della popolazione. E spiega cosa intende fare l’Udc in ambito climatico.

legge-co2-chiara-reazione-d-orgoglio-nelle-zone-rurali
Keystone
Marchesi

La campagna ha affossato la legge sul CO2: Piero Marchesi, consigliere nazionale Udc, il vostro messaggio ha fatto breccia. Soddisfatto?

Sì. C’è stata una reazione chiara, d’orgoglio, nelle campagne. Perché se è facile dire ‘utilizzate i mezzi pubblici’ in città, non lo è nelle zone periferiche. Poi i cittadini hanno ben capito che queste tasse non erano necessarie. La Svizzera è un Paese modello per quanto riguarda il rispetto dell’ambiente e del clima. Produciamo un millesimo delle emissioni di CO2 nel mondo e dobbiamo autotassarci? Queste tasse sarebbero servite solo a far crescere le entrate dello Stato, a nient’altro.

La legge attuale è insufficiente. L’Ufficio federale dell’ambiente afferma che non raggiungeremo l’obiettivo di riduzione 2020. Per voi invece si può andare avanti così?

Una premessa. Le emissioni di CO2 pro capite sono state ridotte del 24% negli ultimi vent’anni, una riduzione vanificata però dalla grande immigrazione: 2 milioni di persone dal 1990 a oggi. No, non è che va bene così. L’attuale legge sul CO2 è molto chiara. 

Scade però a fine anno. Dopo?

Bisognerà discuterne nuovamente in Parlamento. È chiaro che adesso le ambizioni del fronte rosso-verde – con il Centro e il Plr – dovranno essere ridimensionate. Non potranno tornare con altre proposte simili. Occorrerà promuovere maggiormente il progresso tecnologico, anziché far leva su tasse che i cittadini non vogliono.

Dopo il ‘no’ odierno l’Udc ha una responsabilità particolare. Avete un piano B?

Sì. Negli ultimi mesi abbiamo proposto una serie di misure in ambito climatico. Ripeto: la priorità dev’essere incentivare l’innovazione tecnologica e la ricerca. La Svizzera è sempre stato un Paese all’avanguardia da questo punto di vista. Agendo su questo binario ne trarremo dei benefici economici ed occupazionali.

E in settori come quelli dell’aviazione dei trasporti, dove il potenziale di miglioramento è particolarmente importante?

Anche qui è la tecnologia l’elemento chiave. Ci sono ad esempio aziende che stanno sviluppando – anche nell’aviazione – carburanti con un minor impatto climatico. Ancora una volta: è il progresso – non certo le tasse – ad essere determinante per una migliore qualità di vita e l’ambiente. Prenda il nucleare: gli ecologisti nei paesi scandinavi sono aperti alle nuove tecnologie ‘pulite’ nel settore del nucleare. Mettere un limite alla tecnologia, o non promuoverla in modo deciso, è sbagliato.

Ancora oggi il presidente dell’Udc Marco Chiesa ha definito «socialista» questa legge. Per voi l’iniziativa dev’essere lasciata al privato?

Un ruolo decisivo in questo senso l’avrà certamente l’iniziativa privata, sostenuta nei modi e con gli strumenti giusti dall’ente pubblico. Penso in particolare ad agevolazioni fiscali per le aziende.

Niente nuove tasse, né un potenziamento di quelle esistenti; così come nessun divieto. Sono queste le linee rosse per l’Udc?

Esatto. No a divieti, no a tasse. Sì invece a stimoli all’innovazione tecnologica, che crea indotto e posti di lavoro in Svizzera.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
9 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
12 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
13 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
15 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
17 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved