laRegione
13.06.21 - 08:43
Aggiornamento: 10:01

Torna la voglia di viaggiare. E anche gli hotel sorridono

Secondo il barometro dei viaggi del Tcs uno svizzero su due immagina di trascorrere le ferie all'estero: Italia, Francia e Grecia in testa

Ats, a cura de laRegione
torna-la-voglia-di-viaggiare-e-anche-gli-hotel-sorridono

Dopo l'allentamento delle misure contro il coronavirus e l'eliminazione di numerose restrizioni ai viaggi, gli svizzeri stanno riscoprendo la voglia di viaggiare. Secondo il barometro dei viaggi del Tcs, una persona su due immagina di trascorrere le ferie all'estero nei prossimi mesi, come scrive la "SonntagsZeitung". Le destinazioni più popolari sono Italia, Grecia e Francia. Dopo più di un anno di pandemia, le vacanze balneari sul Mediterraneo sono allettanti; tuttavia sono ancora in vigore alcune restrizioni relative ai viaggi. Per esempio, l'Italia richiede ancora un test Covid negativo e un modulo di localizzazione dei passeggeri.

Gli alberghi elvetici

Nel frattempo l'ottimismo è tornato anche nel settore alberghiero elvetico. "Quest'estate dovrebbe essere ancora meglio della precedente. Non me lo sarei aspettato", dice alla "NZZ am Sonntag" Andreas Züllig, presidente di Hotelleriesuisse. I Grigioni e il Ticino sperano decisamente in una buona stagione. Le cose vanno di nuovo meglio anche per l'industria alberghiera delle città. L'ultima apertura del Consiglio federale del 31 maggio ha ridato vita al settore. La ripresa potrebbe anche essere più veloce di quanto si pensasse inizialmente, rileva Martin von Moos, presidente dell'Associazione degli albergatori di Zurigo. A sua volta il certificato Covid potrebbe dare un importante impulso al mercato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
5 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
7 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
7 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
7 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
8 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
13 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
16 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved