laRegione
07.06.21 - 11:51
Aggiornamento: 12:36

I ristoratori: 'Manca personale', la Seco: 'Incomprensibile'

Le associazioni di categoria lamentano la difficoltà a trovare lavoratori qualificati, la Seco fa presente che nel ramo vi sono ancora molti disoccupati

Ats, a cura de laRegione
i-ristoratori-manca-personale-la-seco-incomprensibile
(Ti-Press)

Botta e risposta fra i ristoratori e la Segreteria di stato dell'economia (Seco): i primi si lamentano per la carenza di personale, mentre l'autorità ritiene incomprensibile l'appunto e fa presente che vi sono ancora molti disoccupati nel ramo.

"Abbiamo grandi difficoltà a trovare buoni lavoratori qualificati", afferma Casimir Platzer, presidente dell'organizzazione di categoria Gastrosuisse, in dichiarazioni rilasciate all'agenzia Awp. Il problema sussisteva già prima della crisi del coronavirus, ma ora è diventato ancora più acuto. Una causa viene considerata la mancanza di dinamismo sul mercato del lavoro: ad esempio gli alberghi delle città, che non vanno ancora bene, usano tuttora lo strumento del lavoro a tempo ridotto. "I dipendenti interessati non sono quindi sul mercato e non cambiano impiego", spiega Platzer. Inoltre l'uno o l'altro dei dipendenti del ramo, dopo molti mesi confinamento, ha perso fiducia nel settore e ha cambiato comparto.

Da parte sua la Seco sembra avere poca comprensione per la posizione espressa da Platzer. Il direttore della divisione lavoro Boris Zürcher fa notare che quello della ristorazione è un settore tuttora con una disoccupazione superiore alla media: in maggio il tasso si attestava al 9%, con circa 16'000 persone senza lavoro. "Dati questi numeri, non riesco a capire le lamentele dei ristoratori", afferma Zürcher. "Non dovrebbe essere difficile reclutare personale".

L'alto funzionario 63enne - che è stato anche capoeconomista di Avenir Suisse, il laboratorio d'idee di matrice liberale - sottolinea inoltre che il ramo della ristorazione è stato un grande beneficiario del lavoro ridotto. "Questo strumento è stato usato così intensamente in modo che le persone fossero disponibili quando l'economia si sarebbe ripresa". È possibile che le imprese che hanno licenziato personale abbiano ora difficoltà a reclutarne di nuovo. "Ma chiunque sia ora alla disperata ricerca di lavoratori ha probabilmente commesso degli errori prima", conclude Zürcher.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
20 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
21 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved