laRegione
04.06.21 - 16:12
Aggiornamento: 19:24

Respinto il ricorso contro la votazione antiterrorismo

Il Tf ha ritenuto 'irricevibile' il ricorso presentato da nove ex procuratori ticinesi. Uniti per il diritto: 'Sospensione del voto ancora pendente'

Ats, a cura de laRegione
respinto-il-ricorso-contro-la-votazione-antiterrorismo
(Keystone)

Non dovrebbero esserci ostacoli al voto referendario del prossimo 13 giugno sulla legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT). Il Tribunale federale (TF) ha infatti ritenuto "irricevibile" il primo ricorso contro la votazione popolare.

Data la manifesta inammissibilità, i giudici della corte suprema con sede a Losanna hanno rinunciato a un esame sostanziale della questione di fondo, si evince dalla sentenza emessa il 28 maggio e comunicata da una delle parti all'agenzia Keystone-ATS.

Nove ex funzionari ticinesi avevano chiesto che la votazione sulla legge antiterrorismo fosse abbandonata o che il risultato fosse annullato. Dopo il loro appello infruttuoso al governo cantonale si sono rivolti al TF, adducendo che le autorità avessero diffuso informazioni fuorvianti e false nel libretto di voto e quindi violato il diritto alla libertà di opinione.

Secondo l'ex procuratore federale Paolo Bernasconi è particolarmente scioccante l'affermazione che la polizia possa agire solo dopo che un crimine è stato commesso: si tratta di una palese falsità, poiché il codice penale punisce già dal 2014 gli atti preparatori di un'impresa criminale o terroristica.

Inoltre, secondo gli autori del ricorso, il Consiglio federale sostiene nel libretto di voto che la legge non viola i diritti fondamentali e la costituzione federale. Ma una sessantina di professori di diritto hanno confutato tale affermazione.

Ricorsi contro la legge antiterrorismo sono stati presentati anche nei cantoni di Ginevra, Zurigo, Lucerna, Obvaldo, Berna e Turgovia. Le denunce sono state organizzate dal Partito Pirata, che insieme ai partiti di sinistra aveva lanciato il referendum contro la legge. Oltre 500 cittadini chiedono che il voto venga abbandonato e il progetto di legge ritirato.

'Il Tribunale federale deve ancora pronunciarsi sul secondo ricorso'

I nove ex procuratori pubblici ticinesi avevano inoltrato sia un ricorso diretto al Tribunale federale sia un ricorso contro la decisione di incompetenza del Consiglio di Stato. Il Tribunale federale ha dichiarato oggi non ricevibile il ricorso del 26 maggio ricevuto direttamente, mentre dovrà ancora pronunciarsi sul secondo ricorso del 31 maggio, ossia sulla domanda di sospendere la procedura di votazione per le irregolarità nella procedura di votazione. È quanto sostiene il gruppo 'Uniti per il diritto' in una nota diffusa poco dopo la comunicazione della decisione della corte suprema di Losanna. 

"Se la votazione avesse luogo, il Tribunale federale dovrà pronunciarsi anche sulla domanda di annullare il risultato della stessa siccome viziato dalle informazioni fuorvianti diffuse da parte del consiglio federale e dalla polizia federale", scrivono gli ex procuratori.

 

 

Leggi anche:

Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’

Terrorismo, anche i ricorrenti ticinesi vanno a Losanna

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino
Il tasso di iscritti negli uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
energia
12 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
19 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
21 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
21 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
23 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
23 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
23 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
1 gior
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
© Regiopress, All rights reserved