laRegione
19.05.21 - 16:59
Aggiornamento: 17:53

Broker di casse malati, verso lo stop a chiamate indesiderate

Il Consiglio federale ha approvato il messaggio sugli intermediari delle assicurazioni malattia, che, fra le altre cose, vieta le chiamate senza preavviso

Ats, a cura de laRegione
broker-di-casse-malati-verso-lo-stop-a-chiamate-indesiderate
(Keystone)

Gli intermediari nel settore dell'assicurazione malattie non potranno più effettuare chiamate pubblicitarie senza preavviso e la loro rimunerazione sarà limitata. È quanto prevede il messaggio riguardante il disciplinamento dell'attività degli intermediari assicurativi, adottato oggi dal Consiglio federale.

Il governo avrà la possibilità di rendere obbligatori alcuni punti dell'accordo tra assicuratori relativo agli intermediari. Nel 2015 entrambe le associazioni mantello delle casse malattia avevano stabilito una convenzione, ma non tutti gli assicuratori si sono adeguati. Il tema quindi è tornato in Parlamento e nell'autunno 2018 è stata adottata una mozione della competente commissione del Consiglio degli Stati per permettere di conferire l'obbligatorietà per alcuni punti della convenzione.

Con la modifiche previste, il Consiglio federale potrà quindi rendere vincolanti le disposizioni per tutti gli assicuratori, sia nel settore dell'assicurazione malattie obbligatoria sia in quello delle complementari. Per conferire carattere obbligatorio al regolamento è necessaria una richiesta esplicita da parte delle casse malattia che rappresentano almeno il 66% degli assicurati dell'assicurazione obbligatoria e il 66% delle entrate dei premi delle complementari.

Tra le regole in questione figurano la limitazione della rimunerazione degli intermediari, la loro formazione, il divieto delle chiamate pubblicitarie senza preavviso nonché la redazione e la firma di un verbale del colloquio di vendita firmato dal cliente e dall'intermediario. In caso di mancato rispetto delle disposizioni sono previste sanzioni.

Il progetto include sia gli intermediari esterni che quelli legati all'assicuratore per contratto, e richiede la modifica della legge sulla sorveglianza degli assicuratori (LSA) e della legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie (LVAMal).
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
9 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
11 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
13 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
14 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
15 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved