laRegione
bloccarono-sede-di-credit-suisse-9-attivisti-condannati
Keystone
Altri attivisti sono stati prosciolti a Basilea per un’azione simile
14.05.21 - 15:48
Aggiornamento: 18:52

Bloccarono sede di Credit Suisse, 9 attivisti condannati

Giovani del Collettivo per la giustizia climatica riconosciuti colpevoli di coazione e violazione di domicilio dal Tribunale distrettuale di Zurigo

Zurigo – Nove attivisti per il clima che nel luglio 2019 bloccarono l'entrata della sede principale di Credit Suisse, sulla centralissima Paradeplatz della città sulla Limmat, sono stati condannati oggi in prima istanza dal Tribunale distrettuale di Zurigo.

I nove imputati - di cui sette provenivano dalla Svizzera romanda e sei sono giovani donne - sono stati condannati a pene pecuniarie con la condizionale per l'accusa di coazione e in otto casi anche per violazione di domicilio.

Il tribunale ha ridotto le richieste di pena formulate dalla pubblica accusa, fissando in otto casi pene pecuniarie sospese di 40 aliquote da 10 franchi e in un altro di 30 aliquote da 10 franchi. Il Ministero pubblico chiedeva invece per ognuno degli imputati pene pecuniarie di 90 aliquote giornaliere da 30 franchi e multe di 500 franchi.

Gli avvocati della difesa si sono invano battuti per il proscioglimento e per l'archiviazione dei casi. Gli attivisti hanno ancora la possibilità di far ricorso davanti al Tribunale cantonale.

Ingresso bloccato, attivisti incatenati

L'8 luglio 2019, i nove attivisti avevano partecipato al sit-in di protesta davanti al Credit Suisse, bloccando l'ingresso con vasi di piante e biciclette accatastate l'una sull'altra. Alcuni di loro si erano incatenati. La polizia era intervenuta, segando le catene e portando via gli attivisti.

Nel corso del dibattimento, che si è tenuto mercoledì con la corte riunita per motivi di spazio nella sala del "Volkshaus", il procuratore ha sottolineato l'"ingenuità" degli attivisti.

‘Inutile teatrino’

Pur ammettendo di comprendere l'indignazione dei giovani di fronte al cambiamento climatico, il rappresentante dell'accusa ha definito la loro azione un "inutile teatrino" ed esortato i giovani ad impegnarsi a livello politico.

Soltanto due degli attivisti romandi hanno accettato di parlare davanti al tribunale, dicendosi scioccati per le parole del procuratore che li ha definiti "ingenui". "Non avevamo altra scelta", ha detto un giovane affermando che prima di quell'azione simbolica avevano esaurito tutte le altre possibilità di farsi sentire.

La vicenda è approdata in tribunale perché gli imputati hanno fatto ricorso contro i decreti di accusa pronunciati a suo tempo dal ministero pubblico di Zurigo. La polizia aveva fermato 64 persone, alcune delle quali hanno passato due giorni in guardina. Sono stati aperti in tutto 51 procedimenti penali e 42 attivisti non si sono opposti al decreto d'accusa.

Attivisti prosciolti a Basilea

L'azione di protesta era promossa dal movimento Collective Climate Justice (collettivo per la giustizia climatica) e si è tenuta in contemporanea con un'analoga protesta a Basilea, davanti all'ingresso principale dell'edificio di Ubs sulla Aeschenplatz, dove sono concentrate le attività amministrative dell'altra grande banca svizzera.

In quel caso Ubs ha ritirato le denunce penali contro gli attivisti. Lo scorso 22 gennaio il tribunale penale di Basilea ha prosciolto cinque attivisti che si erano opposti al decreto d'accusa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attivisti clima condanna credit suisse sentenza tribunale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
13 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
14 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
15 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
16 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
20 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved