laRegione
14.05.21 - 12:35

Svizzera-Italia, altri 5 anni di riconoscimento per le patenti

L'accordo permette ai conducenti che si stabiliscono nell'altro Stato di convertire facilmente la propria licenza di guida

Ats, a cura de laRegione
svizzera-italia-altri-5-anni-di-riconoscimento-per-le-patenti
(Ti-Press)

Svizzera e Italia hanno firmato ieri il rinnovo, per altri cinque anni, dell'accordo per il riconoscimento reciproco e la conversione di patenti di guida.

L'accordo, in vigore da giugno 2016, mantiene una validità quinquennale e permette ai conducenti che si stabiliscono nell'altro Stato di convertire facilmente la propria licenza di guida, indica oggi in un comunicato l'Ufficio federale delle strade (USTRA), confermando la firma avvenuta ieri a Roma tra la segretaria di Stato Livia Leu e il sottosegretario italiano agli esteri Benedetto Della Vedova.

Il contenuto, tuttavia, è stato leggermente adattato sulla base delle esperienze maturate. Ad esempio, spiega l'USTRA, è "esplicitato il termine entro il quale è garantita la conversione senza dover sostenere un esame: quattro anni dal trasferimento in Italia, cinque in Svizzera". L'accordo, inoltre, si applica esclusivamente alle patenti rilasciate nell'altro Paese prima del cambio di residenza.

La procedura di conversione non richiede alcun esame di guida, né pratico né teorico, ricorda l'Ufficio federale, sottolineando tuttavia che le autorità competenti possono esigere una documentazione integrativa, nel caso in cui sussistano dubbi sull'idoneità alla guida oppure in caso di furto o perdita del documento originale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
33 min
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 ora
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
4 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
21 ore
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
23 ore
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
Svizzera
1 gior
Influenza aviaria in azienda, disposte misure in tutto il Paese
Divieto di mercati ed esposizioni di pollame, prescrizioni igieniche e protezione del pollame dagli uccelli selvatici fra le disposizioni emanate da Berna
© Regiopress, All rights reserved