laRegione
accordo-quadro-svizzera-e-ue-continuino-a-negoziare
Keystone
Si cerca di capire cosa fare dopo l’incontro tra Parmelin (sin.) e von der Leyen a Bruxelles
11.05.21 - 18:39
Aggiornamento: 20:16

Accordo quadro, ‘Svizzera e Ue continuino a negoziare’

I ministri degli esteri dell’Unione non chiudono la porta. Ma avvertono: i Bilaterali stanno diventando obsoleti. Cantoni per relazioni stabili con Bruxelles.

Berna/Bruxelles – Il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic ha sottolineato martedì la volontà dell'Ue di continuare i negoziati con la Svizzera per un accordo istituzionale. Senza questo accordo le relazioni bilaterali sono destinate a erodersi, ha aggiunto. Benché le posizioni della Svizzera e dell'Ue su determinati aspetti rimangano distanti, i Cantoni si attendono che il Consiglio federale faccia il possibile per rafforzare la via bilaterale dando al paese relazioni stabili col maggior partner economico.

Secondo la segretaria di Stato portoghese per gli affari europei, Ana Paula Zacarias, tutti gli Stati membri hanno rimarcato l'importanza delle relazioni con la Svizzera. Hanno anche accolto con favore gli sforzi della Commissione europea per trovare una soluzione con Berna.

La grande domanda rimane: come continuare queste forti e importanti relazioni proteggendo il mercato interno europeo e assicurando condizioni di concorrenza eque per tutti? Prima della riunione odierna dei ministri dell'Ue, i rappresentanti tedeschi e francesi Michael Roth e Clément Beaune hanno sottolineato l'importanza di un mercato interno ben funzionante.

Altri tempi, altra Ue

Maros Sefcovic ha ricordato che gli oltre 120 accordi che legano la Svizzera all'Ue stanno diventando obsoleti. «I tempi sono cambiati. Lo stesso vale per l'Ue. Non è più come quando questi accordi sono stati firmati», ha detto. Le relazioni bilaterali in settori come la sanità o l'elettricità non possono più essere sviluppate senza un accordo quadro.

I ministri non hanno svolto una discussione approfondita. Sono stati soprattutto i vicini della Svizzera a parlare, secondo Sefcovic. Il ministro tedesco ha detto che spera di poter risolvere le differenze.

Aspettative da Bruxelles

Dopo l'incontro di fine aprile tra la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente della Confederazione Guy Parmelin, è diventato chiaro che ci sono ancora differenze sostanziali tra le due parti. Bruxelles si è mostrata irritata dalle richieste della Svizzera.

Secondo Maros Sefcovic, la Commissione aveva grandi aspettative sull'incontro al vertice. Pensavamo di essere «molto vicini a un accordo». Alla fine, non se n’è fatto nulla. «Non stiamo chiudendo la porta. Siamo sempre pronti a discutere», ha aggiunto. 

‘Esplorare tutte le possibili opzioni politiche’

Secondo i Cantoni, per i quali la Svizzera ha già fatto importanti concessioni, tutte le possibili opzioni politiche devono essere esplorate nelle discussioni con l'Ue prima di prendere una decisione strategica. I Cantoni, che vogliono essere coinvolti maggiormente nelle discussioni, si attendono anche cambiamenti nella posizione di Bruxelles su certi aspetti.

Questo, in sintesi, il sunto della presa di posizione della Conferenza dei governi cantonali dopo l'incontro col presidente della Confederazione, Guy Parmelin, in cui quest'ultimo ha spiegato le difficoltà nei negoziati e il perché la Svizzera, al momento, abbia deciso di non firmare l'intesa.

Nella loro riunione plenaria del 29 marzo 2019, i governi cantonali avevano ribadito l'importanza di un accordo istituzionale con l'Ue per garantire l'accesso al mercato interno e una maggiore sicurezza giuridica. Ma, allo stesso tempo, avevano sottolineato la necessità di chiarire le disposizioni del progetto di accordo sugli aiuti di Stato, le misure di accompagnamento e la direttiva sui diritti dei cittadini dell'Unione.

‘Importanti concessioni’

Dopo il nulla di fatto scaturito dall'incontro del 23 aprile scorso tra Parmelin e la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e la valutazione del Consiglio federale della situazione, i Cantoni hanno accolto la ripresa dei colloqui a livello politico sostenendo peraltro che la Svizzera abbia già fatto importanti concessioni su alcune questioni critiche (adozione dinamica del diritto comunitario, ruolo della Corte europea di giustizia nella risoluzione delle controversie, clausola ghigliottina) e che sia fondamentale che i tre punti contestati vengano risolti nel modo "in cui la Svizzera vuole che siano risolti prima della firma dell'accordo istituzionale".

Se nuovi elementi o cambiamenti nella posizione dell'Ue rendono possibile un tale risultato, i governi cantonali sosterranno il Consiglio federale nei suoi sforzi. I cantoni credono che il governo debba fare tutto il possibile per stabilire un quadro stabile per le relazioni bilaterali ed evitare una spirale negativa. Tutte le possibili opzioni politiche devono essere esplorate nelle discussioni con l'Ue prima di prendere una decisione strategica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo quadro bilaterali cantoni maros sefcovic svizzera ue
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
5 ore
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
6 ore
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
7 ore
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
8 ore
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
9 ore
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
11 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
11 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
13 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
13 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
© Regiopress, All rights reserved