laRegione
10.05.21 - 12:20
Aggiornamento: 19:37

Violenza carnale, da più parti richieste di revisione

11'710 sottoscrizioni all'appello per ridefinire la violenza carnale nel codice penale affinché si consideri violenza qualsiasi atto sessuale senza consenso

Ats, a cura de laRegione
violenza-carnale-da-piu-parti-richieste-di-revisione
Partecipanti a una manifestazione a Berna nel 2019 (Keystone)

 

Il disegno della revisione della legge penale in materia sessuale trova un consenso solo relativo fra i protagonisti della politica. Viene in particolare chiesto da più parti un ampliamento del concetto di violenza carnale, con l'introduzione del principio "Solo sì vuol dire sì".

Ad oggi la violenza carnale è solo la penetrazione non voluta e commessa con violenza o minacce. La revisione punisce anche gli atti senza violenza, ma in presenza di un esplicito "no" della vittima.

Sul tema sono particolarmente agguerrite le Donne socialiste, che vogliono una ridefinizione che includa il principio "solo se sì", ovvero: qualsiasi atto sessuale senza consenso è una violenza. In seguito ad un loro appello, 11'710 persone hanno preso posizione sul tema.

Il principio di coercizione - ancora presente nel nuovo testo - non va giù alla fazione femminile dei socialisti, secondo cui alla vittima viene così trasmesso il messaggio che avrebbe potuto evitare l'aggressione. Il concetto di "no significa no" dovrebbe quindi essere modificato in "solo se sì", che metta una volta per tutte in chiaro che si può compiere un atto sessuale solo se tutte le persone coinvolte lo vogliono.

Simile la posizione di Verdi e Verdi liberali. Questi ultimi sottolineano anche l'importanza di un facile accesso a polizia e autorità giudiziarie da parte delle vittime, che spesso hanno paura di non essere prese sul serio.

Dal canto suo l'Alleanza del Centro ha sottolineato l'importanza del fatto che il comportamento della vittima non sia una variabile per il tipo di condanna dell'aggressore.

Non invertire onere prova

Più a destra sullo scacchiere politico, anche l'UDC approva diversi punti della nuova versione della legge: sottolinea ad esempio il fatto che troppo spesso fatti gravi vengono puniti in maniera troppo leggera.

Tuttavia, affermano i democentristi, alcune parti del testo devono essere drasticamente riviste. Non bisogna ad esempio arrivare ad un rovesciamento dell'onere della prova, con un annientamento della presunzione d'innocenza. Importante è anche tener conto del problema delle false accuse.

Il punto di vista delle vittime

Secondo Amnesty International e un'organizzazione di vittime di violenza, l'attuale definizione di "stupro" porta diverse vittime a non denunciare. Fino al 70% delle vittime durante l'aggressione è paralizzata a causa dello shock, e questo rende di fatto impossibile difendersi.

L'organizzazione sostiene che anche con la revisione si rimane nel concetto di coercizione e difesa da parte della vittima, un approccio che non tiene conto delle conoscenze scientifiche sul tema ed è contrario alla convenzione di Istanbul, che si occupa della prevenzione e della lotta contro la violenza nei confronti delle donne.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
13 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
14 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
15 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
16 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
19 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
19 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
23 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
© Regiopress, All rights reserved