laRegione
08.05.21 - 09:55

"No a status quo senza accordo quadro" 

L'ambasciatore dell'Ue a Berna avverte: "Non ci saranno nuovi accordi di accesso al mercato europeo e quelli in scadenza non saranno rinnovati"

Ats, a cura de laRegione
no-a-status-quo-senza-accordo-quadro
Keystone

Senza accordo quadro non c'è status quo possibile nelle relazioni tra Svizzera e Unione europea. Lo afferma l'ambasciatore dell'Ue a Berna, Petros Mavromichalis, che avverte: non ci saranno nuovi accordi di accesso al mercato europeo e quelli in scadenza non saranno rinnovati.

Mavromichalis, in una intervista al quotidiano Le Temps in edicola oggi, afferma: "è la cronaca di una morte annunciata". La Svizzera può certamente respingere l'accordo istituzionale, "ma anche noi siamo sovrani e possiamo dire 'no' al proseguimento dell'attuale via bilaterale", precisa l'ambasciatore.

Citando il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, Mavromichalis ricorda che l'Ue non intende più "svendere l'accesso al suo mercato interno" ai Paesi che vogliono abbandonarlo o avvicinarsi ad esso. Tuttavia, l'Ue sta facendo tutto il possibile per trovare una soluzione ai punti controversi dell'accordo istituzionale quadro, aggiunge l'ambasciatore in un'altra intervista pubblicata da Schweiz am Wochenende.

"Serve una base istituzionale per partecipare al nostro mercato interno", prosegue Mavromichalis. La Svizzera deve rispettarlo, aggiunge, sottolineando che il clima delle discussioni "migliorerebbe sicuramente" se Berna dovesse versare il cosiddetto secondo miliardo di coesione.

Il diplomatico ricorda che gli accordi bilaterali erano nati come soluzione transitoria dopo il rifiuto elvetico nel 1992 dello Spazio economico europeo (See). "A quel tempo la Svizzera era un candidato all'adesione", osserva, sottolineando che Bruxelles rispetta il fatto che per Berna l'adesione non sia più un tema attuale.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
3 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
6 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
7 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
10 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
11 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved